Musica e Spettacolo

L'”Incontro Ravvicinato” con Giancarlo Giannini al Napoli Film Festival

NAPOLI (di Anna Barbato) – Quest’anno il calendario del Napoli Film Festival ha previsto, tra l’altro, la sezione “Incontri ravvicinati”, ossia personaggi del mondo del cinema che hanno incontrato il pubblico in sala. Tra questi,  l’attore, nonché doppiatore e regista,  Giancarlo Giannini, che lo scorso 3 ottobre, al cinema Martos-Metropolitan, ad un pubblico numeroso e attento ha raccontato momenti salienti della sua vita e della sua carriera.

Giancarlo Giannini

L’attore ha narrato dei suoi studi a Roma all’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica, dei suoi esordi a teatro, del suo meraviglioso incontro con Anna Magnani, attrice che una volta gli disse: “Tu non hai bisogno di recitare!”, fino al fortunatissimo sodalizio con Lina Wertmuller, che gli ha regalato interpretazioni di personaggi divenuti leggenda, quali Pasqualino Settebellezze (che gli valse anche una nomination agli Oscar nel 1975) oppure quello di Gennarino Carunchio di “Travolti da un insolito destino nell’azzurro mare di agosto”, ruolo che gli venne riproposto anni dopo da Madonna e Guy Ritchie per il loro remake, che l’attore rifiutò cosicché la pop-star americana ripiegò sul figlio Adriano.

Racconti di vita e di cinema, quelli di Giancarlo Giannini, ricchi di fascino e di aneddoti, intervallati da memorabili scene di suoi film, quali, oltre i già citati “Pasqualino Settebellezze” e “Travolti da…”, anche “La prima notte di quiete”, diretto dall’amico Valerio Zurlini, co-protagonista con Alain Delon, “Mimì metallurgico ferito nell’onore”, accanto a Mariangela Melato. E, a seguire, “Sesso Matto”, grottesco e divertente film ad episodi in cui l’attore si rivela in tutta la sua bravura, decisamente camaleontica.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.