Sport

Juventus è sorpasso contro gli azzurri

NAPOLI (di Cristina Accardo) – Il pareggio della Roma contro il Sassuolo al 49’ rende ancora più incandescente l’attesa per il big-match del posticipo della Serie A, dove a Torino, Juventus e Napoli, entrambe seconde in classifica a 28 punti, si scontrano in una delle gare più attese della stagione da giocatori e tifosi. Conosciuto è l’astio tra le due tifoserie (allo Juventus Stadium la procura federale ha messo lo stadio sotto vigilanza pronto a far partire una maxi stangata al primo coro contro i napoletani) alla luce dell’attuale posizione in campionato Juventus – Napoli si prospetta una sfida da cardiopalma.

ConteLa gara inizia con il piede storto per il Napoli che, dopo soli 2 minuti, passa in svantaggio con un gol juventino in fuorigioco; gli azzurri faticano a cercare spazi ben coperti dai bianconeri che raddoppiano e spingono in avanti e gestiscono il campo senza eccessiva fatica. Il primo tempo è di sofferenza per gli azzurri, che, al contrario alla ripresa iniziano a far gioco; ma la punizione al bacio di Pirlo smorza gli animi dei partenopei che, sprofondano del tutto quando arriva il terzo gol della Juventus con un capolavoro del giovane Pogba. Finisce 3 a 0 per la Juventus e con il Napoli che va via da Torino ridimensionato e solo al terzo posto in classifica, mentre i bianconeri si assestano a meno uno dalla Roma.

Le formazioni – Juve: Buffon, Barzagli, Bonucci, Ogbonna, Isla, Vidal, Pirlo, Pogba, Asamoah, Tevez, Llorente

Napoli: Reina; Maggio, Fernandez, Albiol, Armero; Inler, Behrami; Callejón, Hamsik, Insigne; Higuain

In campo – Parte la gara e la Juve passa in vantaggio con una rete di Llorente in netto fuorigioco non ravvisato dal guardalinee. E’ 1 a 0. Il Napoli perde la rotta e gli uomini di Conte prendono in mano le redini del match tanto che,all’8’ Reina deve superarsi per salvare la propria porta. E’ solo dopo i primi 20 minuti che c’è il primo tiro in porta azzurro con Insigne ma Buffon è sulla traiettoria; poco dopo replica Higuain ma nulla di fatto. Intanto la Juventus costringe Reina agli straordinari prima su Tevez e poi su Asamoah. Il Napoli appare macchinoso e prevedibile e la Juventus diventa sempre più insidiosa soprattutto nei minuti finali del primo tempo, quando, Llorente si trova di nuovo da solo dinanzi a Reina che questa volta chiude allo juventino. Al 42’ gran tiro di Insigne, l’unico uomo davvero pericoloso per gli azzurri. Alla ripresa il Napoli ha un piglio diverso e il pareggio viene sfiorato da Insigne su punizione, Buffon c’è. Gli azzurri tengono il campo e la Juventus si limita a domare le spinte azzurre, ma, al 29’ Pirlo disegna una parabola perfetta su punizione che scavalca una timida barriera. E’ 2 a 0. Il Napoli sembra non crederci più e perde definitivamente le forze quando, al 34’ Pogba di destro mette la palla dentro da fuori area. E’ 3 a 0. Negli ultimi minuti i bianconeri restano in 10, ma ormai il risultato è conquistato. Il Napoli esce sconfitto dallo Juventus Stadium tra i cori irriverenti dei tifosi juventini, che si sono susseguiti durante tutto il corso della partita.

Fuori dal campo – E’ come sempre l’uomo in più in casa Juve che questa sera ha messo il piede nella vittoria della sua squadra; è Pirlo “Ho calciato bene, sono contento per il goal, ma soprattutto per la vittoria. Abbiamo dato un segnale importante a chi ci sta davanti. Siamo tutte lì, stanno facendo un grande campionato, ma noi guardiamo a noi stessi.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.