Sport

Bentornata Serie A

NAPOLI (di Eleonora Posabella) – Dopo mesi di attesa al via finalmente il campionato italiano di Serie A per l’edizione 2013 2014. La prima giornata viene inaugurata dall’ anticipo pomeridiano di sabato in cui si sono scontrate Verona e Milan e si chiuderà stasera con il posticipo del lunedì tra Fiorentina e Catania.

Serie A, calcio, pallonePoche le sorprese di questo primo squarcio di competizione, sono infatti le cosiddette “Big” a trionfare: Juventus e Napoli hanno vita facile sbaragliando rispettivamente la formazione doriana e quella bolognese. Entrambi i test risultano però poco probanti, in quanto le avversarie non concretizzano mai occasioni realmente pericolose, rimanendo confinate nella propria metà campo per quasi novanta minuti. Bottino pieno anche per l’Inter di Walter Mazzarri che, soffrendo contro un Genoa arroccato e caparbio, strappa il risultato nel finale grazie ai cambi effettuati, che tolgono le castagne dal fuoco al neo tecnico.

Si astrae invece dal coro delle vincenti la squadra rossonera, illusa e poi travolta dall’ undici veronese che, all’ insegna di uno scoppiettante Luca Toni, spegne l’entusiasmo per l’iniziale vantaggio milanista. Hanno la meglio sugli avversari anche Lazio, Roma, Cagliari e Torino, unico pareggio, in attesa del match di questa sera, è quello tra Parma e Chievo che non affondano il colpo. La stella che brilla più delle altre in questa prima giornata è certamente quella partenopea, su cui appare evidente e prodigioso il tocco del tecnico Rafa Benitez.

I nuovi arrivi infatti si amalgamano perfettamente con i veterani azzurri fornendo spazi e possibilità di gioco. Chi sembra beneficiare maggiormente delle modifiche apportate dallo spagnolo è l’inedito capitano Marek Hamsik, che per l‘occasione “ruba” la fascia a Paolo Cannavaro, relegato in panchina all’ esordio in campionato della sua squadra. Lo slovacco, superstite della sessione estiva di calciomercato, dimostra ancora una volta la propria devozione alla maglia partenopea propiziando il vantaggio azzurro e firmando le due reti successive. Resta da riflettere su chi potrà essere l’antagonista della favorita Juventus, che dovrà guardarsi con più attenzione delle passate stagioni, dagli avversari meridionali per eccellenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.