Sport

Il Napoli c’è, due reti al Genoa

NAPOLI (di Cristina Accardo) – Con una rete nel finale di partita del neo acquisto De Guzman il Napoli, a Marassi contro il Genoa, agguanta la vittoria nella giornata di esordio del campionato di serie A 2014 – 2015 portando a casa i primi tre punti di stagione. Un 1 a 2 che consente a Benitez di affrontare con un bottino pieno la sosta per le gare delle nazionali, ma non senza qualche preoccupazione per le difficoltà evidenziate nei minuti di gioco dai suoi uomini: distrazioni in difesa, problematiche di gioco a centrocampo, poca concretezza in attacco e mancanza di maturità nella gestione del vantaggio.

De GuzmanEppure il Napoli parte bene e dopo soli tre minuti di gioco va già in rete con Callejon grazie ad un’azione nata sull’asse Insigne-Higuain. Per i partenopei il match sembra tutto in discesa, la gestione della gara è nelle loro mani fino a quando il Genoa riesce a portarsi più volte davanti alla porta di Rafael che in più occasioni si esibisce in parate miracolose che salvano gli azzurri dal pareggio. Ma al trentanovesimo il numero uno brasiliano non può nulla quando Koulibaly perde Pinilla che la mette dentro di testa per l’ 1 a 1; il Napoli sembra aver perso il filo del gioco ed il fischio della fine del primo tempo sembra essere una liberazione per gli undici di mister Benitez.

Alla ripresa il Genoa ormai rinvigorito nell’orgoglio si fa sempre più minaccioso soprattutto con i calci d’angolo, da sempre croce dei partenopei; se Gasperini invita i suoi a frenare le fasce e marcare stretto le punte azzurre, Benitez gioca la carta dei cambi, prima con Mertens per Callejon che non la prende bene e poi con De Guzman per Insigne, reo di aver mancato pochi minuti prima un gol fatto. Verso il finale di gara entra anche Michu, ma le ultime chance azzurre partono dai piedi di Mertens ed Higuain. La partita sembra ormai destinata a concludersi con un pareggio quando, nell’ultimo minuto dei cinque di recupero concessi, de Guzman la mette dentro battendo Perin. E’ 1 a 2, il Napoli in extremis conquista i tre punti e quindici giorni per poter ricaricare la squadra nel fisico e nel morale; l’eliminazione in Champions League e la campagna acquisti poco produttiva non è stata ancora digerita da giocatori e tifosi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.