Cronaca

Bambini rom ridotti in schiavitù, l’ira del presidente Armando Coppola

NAPOLI – «E’ la dimostrazione delle condizioni disumane in cui sono costretti a vivere i bambini dei campo rom. Questi fatti dimostrano il totale disinteresse delle associazioni come “Chi rom e chi no” o come il consorzio Gesco, che prendono fondi per le loro attività e che dovrebbero occuparsi delle condizioni di vita di questi bambini ma che, invece, mostrano totale disinteresse. Non si può tollerare che nel 2016 ci siano bambini costretti a vivere in schiavitù, che non vanno a scuola, che vengono bastonati quotidianamente da genitori-aguzzini. Bisogna assolutamente intervenire al più presto con lo sgombero dei campi rom, con il rimpatrio dei non aventi diritto e con la reale assistenza a chi dimostra di avere reali necessità economiche. Basta con l’ipocrisia di certe associazioni che semplicemente fingono di assistere i rom e che invece sono buone solo a intascare i fondi stanziati accusando di razzismo chi vuole che le regole siano rispettate e che, soprattutto, i bambini vengano rispettati in quanto tali».

RomCosì il presidente della IV Municipalità Armando Coppola in merito al grave fatto di cronaca che vede coinvolti due fratelli di 10 e di 11 anni di etnia rom sorpresi a mendicare nei pressi di piazza Nazionale. I due ragazzini, in evidente stato di malnutrizione e in condizioni igieniche precarie, hanno raccontato agli agenti di essere costretti a mendicare dai genitori che li avevano persino obbligati a chiedere latte e pannolini per un terzo fratello.

Il presidente del parlamentino di Gianturco si è recentemente espresso stigmatizzando l’atteggiamento di alcune associazioni che hanno impedito lo sgombero – previsto dalla Procura – del campo rom di via Brecce dove, secondo le stime, vivono in condizioni disumane circa 2000 persone di cui almeno 400 bambini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.