Sport

Napoli doppia faccia, trova la vittoria con Insigne

NAPOLI (di Cristina Accardo) – Si sblocca lo scugnizzo azzurro dopo mesi di digiuno: una doppietta ad Udine e tre punti incassati che, dopo la giornata domenicale della Serie A, portano il Napoli al quarto posto in classifica.

insigneGli uomini di Sarri, con la vittoria nel finale dell’Atalanta sulla Roma e della Lazio sul Genoa, sono quarti a 24 punti, con un distacco di ben 9 punti dalla Juventus capolista. Diversa la situazione per la lotta all’Europa dove le squadre sono tutte lì, a pochi punti di differenza: seconde Roma e Milan a quota 26; terze Lazio ed Atalanta a 25. Fanalino di coda Pescara, Palermo e Crotone. Il risveglio di Insigne non regala solo la vittoria, ma arriva in un momento delicato, in cui il Napoli, orfano di Milik deve affrontare un finale di 2016 infuocato. Si inizia già mercoledì 23 novembre, con la gara dentro-fuori al San Paolo contro la Dinamo Kiev, dove gli azzurri sono chiamati a centrare a tutti costi l’obiettivo qualificazione con il supporto dei 35 mila che daranno supporto ad Hamsik e compagni.

Le formazioni – Udinese: Karnezis, Widmer, Waguè, Danilo, Felipe, Fofana, Kums (75′ Jankto), Badu, Matos (53′ Perica), Thereau, Zapata (81′ De Paul)

Napoli: Reina, Hysaj, Chiriches, Koulibaly, Ghoulam, Allan, Diawara, Hamsik (72′ Zielinski), Callejon, Insigne (79′ Giaccherini), Mertens (88′ El Kaddouri)

In campo – Dopo nove anni il Napoli torna a vincere al Friuli: l’ultima volta era l’anno di Lavezzi nel 2007. Oggi sono Callejon, Mertens ed Insigne gli uomini a cui mister Sarri si affida per centrare la vittoria. Primo tempo poco emozionante: al 18’ si infiamma Zapata che chiama Reina ad una grande parata. La partita è perlopiù giocata a centrocampo: al 34’ la diagonale di Mertens va fuori. Ci vuole una smossa e Sarri nell’intervallo trova la leva giusta, perché alla ripresa è un altro Napoli, che al 47’ va in gol con il suo baby fenomeno Lorenzo Insigne, che torna a segnare dopo mesi: su cross di Callejon il folletto partenopeo, tocca la palla che si infila sotto la traversa per l’1 a 0. Solo un minuto dopo, Insigne scatenato trova la traversa su un tiro a giro di destro. Al 57’ arriva la doppietta: è 2 a 0. Pochi minuti dopo, al 59’ Hamsik rinvia nella propria area di rigore ed è calcio d’angolo per l’Udinese: dalla bandierina arriva un cross preciso che pesca Perica che vola più alto di tutti e la mette dentro, si accorciano le distanze, è 1 a 2. L’Udinese ora ci crede, ma il Napoli tiene. Finisce 2 a 1 al Friuli con gli azzurri che espugnano Udine dopo nove anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.