“Voci di donne”, un incontro organizzato dall’Associazione “Amo Montemarano O.N.L.U.S

NAPOLI – Un pomeriggio tutto dedicato alle donne, ad ascoltare le loro voci: è questo l’obiettivo di “Voci di donne”, un incontro organizzato dall’Associazione “Amo Montemarano O.N.L.U.S.” e che si terrà sabato 18 ottobre, ore 17.00, presso l’Auditorium comunale di Montemarano.

Un momento di riflessione sulla donna, per scoprire e capire come è cambiato il suo ruolo nella società di oggi, in riferimento a tutti i settori: dalla famiglia al lavoro, al volontariato al mondo imprenditoriale. Verrà analizzato, inoltre, il tema della ‘femminilizzazione’ nell’ambito del lavoro, esaminando il modo in cui la crescente presenza delle donne ha modificato i contesti lavorativi, andando ad inserirsi in professioni ed attività tradizionalmente considerate “maschili”. Uno sguardo, inoltre, sarà rivolto anche ad un tema delicato ed attuale quale quello della violenza sulle donne, e sulle difficoltà che spesso esistono nei rapporti con l’altro sesso.

La giornata, patrocinata dal Comune di Montemarano, si aprirà con i saluti di Antonio De Vito, Presidente e dell’Associazione, dell’Assessore alle Pari Opportunità Stefania Louise Raimo, della Consigliera di Parità della Provincia di Avellino Domenica Marianna Lomazzo e del Sindaco del Comune di Montemarano Beniamino Palmieri.

donneDopodiché, seguiranno gli interventi e le testimonianze di alcune rappresentanti del mondo femminile, appartenenti a varie categorie: Cesara Maria Alagia, Past President ANPAS Regione Campania, Maria Cristina Fruncillo, Presidente della Società Cooperativa Althaea, Sandra Massaro, Assistente capo Polizia di Stato, Pina Aurilia, Psicologa e Psicoterapeuta.
A chiudere un reading del libro “Io è un’altra” di Anna Barbato, un libro che l’autrice stessa definisce “leggero ma profondo”, in cui, con ironia, sono descritte ventisette diverse tipologie della “donna moderna” ma, nello stesso tempo, si riflette sul mondo rosa e sulle relazioni sentimentali oggi.
“Le donne possiedono infinite potenzialità che, spesso, per motivi di carattere storico e sociale, non vengono valorizzate. Esistono ancora forme di discriminazione e di pregiudizio nei riguardi delle donne che vanno necessariamente eliminate, perché le donne costituiscono una risorsa preziosa, per la famiglia, ma anche per la società”, ha spiegato il Presidente dell’Associazione, Antonio De Vito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.