Minacce all’attore di Gomorra

NAPOLI – “Il fatto che in tanti stiano offendendo e minacciando l’attore che interpreta Malammore, il camorrista che uccide una bambina in Gomorra, dimostra che avevamo ragione quando dicevamo che non tutti quelli che vedono fiction come quella siano in grado di distinguere fiction e realtà”.

Lo hanno detto il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, e Gianni Simioli de La radiazza, per i quali “così come hanno deciso di minacciare un attore, non capendo che siamo di fronte a una recitazione, potrebbero decidere di imitare i camorristi della serie”.

malammore-prima-del-suo-atto-estremo“Stiamo vivendo un periodo particolare della storia della camorra a Napoli e provincia dove, con i continui colpi delle forze dell’ordine inflitte ai grandi clan, stanno emergendo piccoli gruppi formati da giovani e giovanissimi e non è difficile ipotizzare che qualche testa calda potrebbe decidere di atteggiarsi come i protagonisti della fiction” hanno concluso Borrelli e Simioli per i quali “proprio perché non tutti quelli che vedono queste produzioni riescono a distinguere tra finzione e realtà, sarebbe opportuno far vedere che la camorra non agisce indisturbata ma c’è chi la combatte, a cominciare da magistrati e forze dell’ordine”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.