Notizie dall'Italia e dal mondo

Primo Piano

‘Modificare l’art.1 della Costituzione Bufera su proposta Pdl

ROMA – ”L’Italia e’ una Repubblica democratica fondata sul lavoro e sulla centralita’ del Parlamento quale titolare supremo della rappresentanza politica della volonta’ popolare espressa mediante procedimento elettorale”. E’ il testo dell’unico articolo di una proposta di legge costituzionale presentata alla Camera dal deputato del Pdl Remigio Ceroni.

Il testo mira a modificare, sostituendolo, l’articolo 1 della Costituzione ed e’ stato presentato a Montecitorio nei giorni scorsi. L’atto, che ha il numero 4292 ma non e’ ancora stato pubblicato, stabilirebbe di fatto una gerarchia tra i poteri dello Stato, si intitola ”Modifica dell’articolo 1 della Costituzione, concernente la centralita’ del Parlamento nel sistema istituzionale della Repubblica”.

Centralita’, si sottolinea nella relazione che lo accompagna, che non hanno ne’ il governo, ne’ la Consulta, e neanche il presidente della Repubblica.

”La mia e’ una proposta di legge fatta a titolo personale. Non ne ho parlato con Berlusconi ne’ con altri dirigenti del Pdl. Ho fatto alcune riflessioni in questo periodo ed a mio avviso credo che vada riaffermata la centralita’ del Parlamento” spiega Ceroni.

Per l’esponente del Pdl quello che e’ da evitare e’ ”il nascere e svilupparsi di un’eversione e soprattutto il sopravvento di poteri non eletti dal popolo e privi di rappresentanza politica”. Ecco perche’, sottolinea ancora il deputato del Popolo ella Liberta’ ”e’necessario” riaffermare ”nel primo articolo della Costituzione la centralita’ del Parlamento”.

LUPI, DISCUTIAMO DI COSE PIU’ SERIE – ”Si tratta di un’iniziativa personale, credo che in Parlamento di iniziative di singoli parlamentari ce ne siano oltre 15.000, se dovessimo aprire un dibattito su ognuna non ne usciremmo piu’. Quella di Ceroni e’ appunto un’iniziativa personale, pensiamo a discutere di cose piu’ serie”. Cosi’ il vicepresidente della Camera, Maurizio Lupi, arrivando a Palazzo Grazioli, commenta la proposta di legge del deputato del Pdl Remigio Ceroni, di modificare l’articolo 1 della Costituzione.

IDV: ATTENTATO ALLA COSTITUZIONE – ”Dal Pdl arriva un vero e proprio attentato alla Costituzione. La proposta di legge che e’ stata presentata per modificare l’articolo 1 della Costituzione e’ eversiva e tende a modificare il sistema di pesi e contrappesi fra i poteri dello Stato stabilito dai padri costituenti. Vogliono la dittatura della maggioranza, ledere l’autonomia e l’indipendenza della magistratura, attaccare la funzione della Corte Costituzionale e le prerogative del Capo dello Stato. Sarebbe uno stravolgimento della forma repubblicana della nostra Carta”. E’ quanto afferma il portavoce dell’Italia dei Valori, Leoluca Orlando. ”Come recita l’articolo 1 – sostiene Orlando – la sovranita’ appartiene al Popolo e non al dittatore del bunga bunga”. ”Faremo le barricate per difendere i principi cardine della Carta e ci appelliamo al presidente della Repubblica, supremo garante della Costituzione, affinche’ ne difenda i principi fondamentali che sono oggetto delle mire eversive di questo governo”.

BONELLI, E’ ATTACCO A NAPOLITANO E COSTITUZIONE – ”Quello del PDL e’ un attacco inaudito e senza precedenti alla Costituzione ed al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano”. Lo dichiara il presidente nazionale dei Verdi Angelo Bonelli nel commentare la proposta di legge costituzionale di Remigio Ceroni , del Popolo della liberta’, che punta a modificare l’articolo 1 della Costituzione indicando la centralita’ del Parlamento rispetto a tutte le altre cariche istuzionali. ”Ormai siamo alle prove tecniche di autoritarismo ed al tentativo di una svolta autoritaria degno dei regimi dove la democrazia viene calpestata: lo scontro perenne tra poteri dello stato cercato da Berlusconi non fa altro che alimentare la tensione nel nostro Paese”. (Ansa)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.