Sport

Napoli, domenica amara a Bologna

NAPOLI (di Cristina Accardo)  – Al via il girone di ritorno del campionato di Serie A, diciannove giornate in cui si tireranno i verdetti delle venti squadre impegnate nella competizione. Ancora una trasferta per gli azzurri, che scendono in campo al Dall’Ara contro il Bologna alle ore 15:00. Piove a Bologna ed anche sui sogni di gloria del Napoli che, dopo essere passato in svantaggio, riesce prima a pareggiare su rigore con Higuain, per poi raddoppiare con una super rete di Callejon. Ma a soli pochi minuti dalla fine, in inferiorità numerica, i bolognesi trovano il pareggio grazie a Bianchi, autore oggi di una doppietta. Finisce 2 a 2 per gli azzurri che non riescono con questa gara a mantenere il passo di Juventus e Roma, ancora vincenti. Intanto la Fiorentina si assesta a – 3 dal Napoli.

Le formazioni – BOLOGNA (3-5-1-1): Curci; Antonsson, Natali, Cherubin; Garics, Kone, Perez, Pazienza, Morleo; Diamanti; Bianchi.

NAPOLI (4-2-3-1): Rafael; Maggio, Albiol, Fernandez, Reveillere; Inler, Dzemaili; Callejon, Mertens, Pandev; Higuain

Bologna - Napoli 2-2In campo – Gara tutta da giocare quella contro il Bologna; Benitez cede la maglia a Pandev e rimanda Insigne alla panchina, per Hamsik ancora niente maglia da titolare. Parte la gara ed il Bologna si fa pericoloso con Garics e Konè. Ad impensierire i padroni di casa, per il Napoli, è Mertens, con una conclusione deviata in alto. Al 15’ ancora Bologna su punizione. Bianchi fa reparto a se ma impensierisce più volte la difesa azzurra, prima al 23’ con anticipo su Revelliere e poi al 32’, su colpo di testa su tiro di Diamanti. Sono prove generali, il gol è nell’aria ed al 36’ la profezia non si smentisce; Bianchi solo la mette dentro di testa su tiro di Diamanti. E’ 1 a 0. Napoli poca cosa nel primo tempo, Bologna più incisivo. Alla ripresa il Napoli si spinge in avanti e le occasioni non tardano ad a venire, soprattutto la 15’ quando Dzemaili viene atterrato in area bolognese, per l’arbitro è rigore, sul dischetto va Higuain, un tiro centrale preciso ed è pareggio, si va sull’1 a 1. La partita ora cambia volto, il Napoli attacca, il Bologna difende. Al 28’ bellissima punizione di Mertens. Al 34’ il Napoli va in vantaggio con il solito Callejon che, da destra, trafigge Curci. E’ 1 a 2. Il Bologna resta in dieci e la gara sembra stancamente avviarsi al termine quando, al 45’, Bianchi piazza la palla sul secondo palo con grossa disattenzione della difesa partenopea. E’ 2 a 2 e non c’è più tempo; il Napoli spreca una ghiotta occasione.
Fuori dal campo – Dopo venti giornate, per mister Benitez, sono ormai chiari quali sono le problematiche del suo Napoli “Nel primo tempo la loro intensità ed il loro pressing ci ha messo in difficoltà, nel secondo tempo abbiamo giocato con la mentalità giusta. Dobbiamo migliorare la gestione della partita, dovevamo fare il terzo gol. Dobbiamo evitare di correre rischi inutili alla fine, come è successo oggi. Se gli avversari fanno molto pressing per noi è difficile, la nostra struttura tattica ci fa fare tanti gol ma altri aspetti devono essere migliorati settimana dopo settimana. Lavoriamo sull’intensità e sulla concentrazione, oggi è successo qualcosa che non abbiamo fatto bene. Credo che il campionato sia molto positivo, poi è chiaro che si può migliorare e questa partita dimostra che giocando bene come nel secondo tempo si può vincere. La nostra crescita deve essere partita dopo partita, e dopo oggi manca ancora qualcosa. Nelle ultime partite non abbiamo subito reti e avevamo dimostrato compattezza, la squadra ha fatto il sufficiente per poter vincere ma non è andata così”. E sul mercato azzurro “Dopo queste partite non voglio parlare di mercato, dobbiamo ancora equilibrare la squadra e questo è importante per me, non il mercato. Vedremo dopo se si può fare qualcosa dopo, ma prima viene il lavoro in campo”.