Villa Musella, raid di teppisti: alberi incendiati

NAPOLI (di Attilio Iannuzzo, Il Mattino) – L’ennesimo atto vandalico in villa Musella a Piscinola che ormai da tre anni resta abbandonata nel degrado totale. L’incendio di alcuni alberi ad opera di «sconosciuti che si sentono padroni in terra di nessuno», dicono i residenti. «Gli incendi sono all’ordine del giorno – denuncia il portavoce del Comitato Villa Musella Rosario Di Lorenzo – ed in più occasioni si ripropone senza intervento alcuno da parte dell’amministrazione comunale; sono numerose le mie segnalazioni, ma non ho mai avuto risposta da nessuno, il parco resta nell’incuria più totale». La villa continua a non avere custodi e il degrado e il pericolo per le persone aumenta quotidianamente. «Siamo stanchi – sottolinea Di Lorenzo – di denunciare all’amministrazione comunale eventi gravi come questo e v

Incendio a Villa Musella
Incendio a Villa Musella

edere che la situazione diventa sempre più critica e pericolosa per i residenti, nessuno interviene, forse perché si tratta di un parco pubblico ubicato in un quartiere periferico; a questo punto dobbiamo supporre che ci siano motivazioni ben più gravi». I cittadini del comitato intendono continuare a denunciare la devastazione a cui è soggetto il parco ed hanno proposto in più occasioni delle soluzioni: «Continueremo a raccogliere foto e filmati – aggiunge Di Lorenzo – per documentare e sottoporre alle autorità competenti il materiale raccolto; abbiamo esposto anche formale denuncia presso la Tenenza dei Carabinieri di Piscinola, e ci auguriamo prima o poi di riuscire ad ottenere risposta dal Magistrato competente a cui abbiamo dato la documentazione in nostro possesso». Intanto il sindaco De Magistris sarà venerdì a Scampia per una mostra: «Mi farebbe piacere – conclude De Lorenzo -che il primo cittadino venisse anche qui da noi a vedere ciò che accade, riteniamo che si debba fare di più per la periferia di Napoli». © RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.