(Video) Corteo studentesco nella giornata di mobilitazione europea

(Articolo: Daniela Giordano – Video: Daniela Giordano/Dario Catania)

Continua la settimana di agitazione nelle piazze a Napoli. Dopo i duri scontri di lunedì a Fuorigrotta, per la presenza del Ministro del Lavoro Elsa Fornero al vertice italo-tedesco sul precariato, e l’occupazione del Rettorato della Federico II, durante la visita del Ministro all’Istruzione Francesco Profumo, nuovi cortei sono stati organizzati in occasione della giornata di mobilitazione europea di mercoledì 14 novembre. Contro le politiche austere dell’Unione Europea, sono scesi nelle piazze di tutta Europa – e dei Paesi maggiormente colpiti dalla crisi, dalla Grecia al Portogallo – studenti e lavoratori, non solo giovani.

Mentre le telecamere registravano i duri scontri in tutta Italia, e circolavano in rete le immagini violente da Milano, Torino e soprattutto Roma, ora oggetto d’indagine, a Napoli la situazione è stata relativamente tranquilla e non sono avvenuti altri scontri, nonostante il clima di alta tensione e le tre manifestazioni organizzate in contemporanea.

Da piazza Garibaldi è partito il corteo organizzato da Cobas e studenti dei collettivi universitari, al quale hanno partecipato anche i disoccupati, mentre da piazza Dante è partito quello organizzato dagli studenti delle scuole superiori. Oggetto delle contestazioni, oltre alle politiche di austerità europee, è stata la riforma della scuola e il ddl Aprea sull’autonomia scolastica e la possibilità d’ingresso dei privati che, sebbene sia già caduto in Parlamento, la sola proposta è stata motivo di sdegno dei partecipanti. In contemporanea, si teneva il presidio della Cgil in piazza del Gesù, che aveva proclamato quattro ore di sciopero nazionale, mentre a Pomigliano d’Arco ha sfilato il corteo promosso dalla Fiom, disertato però dagli operai dello stabilimento Fiat.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.