Via Nuova San Rocco, «Serve rete protettiva, troppi suicidi in città»

NAPOLI – A 24 ore dal tragico epilogo del ragazzo, forse suicida al ponte di San Rocco, i cittadini chiedono un intervento dell’Amministrazione Comunale. «Numerosi tentativi in questi anni – dice Raffaele, un residente – di far intervenire i tecnici che potessero arginare una qualsiasi volontà di suicidio – al ponte di Via Nuova S.Rocco, ma sempre inascoltati».

La competenza territoriale è divisa tra Terza e Quarta Municipalità, motivo per il quale forse non si è mai trovata l’intesa. «La risposta era sempre relativa alla mancanza di fondi disponibili per la realizzazione di una rete portettiva – continua Raffaele – Anche se contestualmente tale protezione fu realizzata al Ponte di Via Pietro Castellino al Vomero ove l’Amministrazione Comunale individuò le risorse necessarie». Insomma,. Pare che via Nuova San Rocco sia l’unica soluzione di suicidio a cui possono rivolgersi coloro i quali intendono porre fine alla loro vita. «Se il problema resta la mancanza di fondi, – conclude il residente – si pensasse a risparmiare su qualche festa di piazza per prevenire la follia umana»

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.