Vandalizzata una scuola a Poggioreale, l’ira dei genitori

NAPOLI – Numerosi bambini di Poggioreale non sono potuti entrare al 76° circolo didattico  “Mastriani  – Gesmundo” (scuola infanzia)  a causa di  atti vandalici avvenuti stanotte.

Il primo bilancio :Asportati i rubinetti dei bagni, che hanno provocato l’allagamento della struttura ed il furto di uno stereo.                                      .

Nelle prossime ore, sarà effettuato un bilancio dei danni definitivo.

Scuola vandalizzata a apoggiorealeIl Consigliere della IV Municipalità Pietro Contemi dichiara: Nel quartiere di Poggioreale la criminalità sta colpendo continuamente dopo il ferimento di un Agente di Polizia, adesso si colpiscono le scuole, Non Bisogna abbassare assolutamente  la guardia e non dobbiamo rimanere inermi di fronte ad azioni che calpestano i diritti dei bambini.

I Consiglieri Salvatore Pane  e Giovanni GemitoPresidente della Commissione Scuola IV Municipalità dichiarano: Chiederemo alla Presidenza della IV Municipalità la convocazione di un Consiglio Municipale sulla sicurezza del Territorio dove inviteremo le istituzioni competenti e se anche questa volta non si presenterà nessuno degli invitati saremo noi ad andare dalle Istituzioni a chiedere maggiore sicurezza.

Il Consigliere della IV Municipalità Pietro  Contemi conclude: E’ importante poter prevedere un tavolo istituzionale come  un osservatorio sulla sicurezza in cui possano interagire tutte le forze che operano nel settore per monitorare e garantire la sicurezza del territorio, attraverso interventi  mirati delle forze dell’ordine:Noi siamo inoltre per la video-sorveglianza: via web avrebbe costi irrisori perché una stanza pubblica municipale sarebbe a costo zero. Servirebbero  un computer in rete ed una Web – Cam  per la copertura completa del territorio!

Sulla vicenda anche il Consigliere Comunale Vincenzo Moretto che dichiara: In queste ore sto preparando gli atti per richiedere un consiglio comunale monotematico sulla Sicurezza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.