Un’inter ferita rimonta il Catania.

NAPOLI (di Nicola Brattoli) –  Finisce 2-2 il posticipo serale di campionato tra Inter-Catania, in un match divertente e per niente scontato. L’inter nel primo tempo schiera il tridente pesante con Forlan-Milito-Pazzini e Palombo a centrocampo. I neroazzurri partono con la volontà di chi vuole ribaltare il periodo negativo, con Forlan sugli scudi, tanta quantità per lui; ma al primo tiro etneo arriva la rete di Gomez al 19’, abilissimo a scattare sul filo del fuorigioco, dribblare Nagatomo e battere J.Cesar con un gran diagonale. I giocatori dell’inter accusano il colpo e al 38’ arriva il raddoppio di Izco; ma l’azione è viziata da un evidente fuorigioco di Marchese,autore dell’assist: il primo tempo si chiude sullo 0-2 per il Catania e il Meazza che fischia per lo spettacolo non offerto dai neroazzurri. Nella ripresa sono le sostituzioni di Ranieri a cambiare volto all’inter con l’inserimento di Sneijder prima e di Obi e Poli poi, che danno dinamicità e maggior filtro dinanzi la difesa, dove in precedenza la coppia Cambiasso-Palombo ha sofferto non poco. Al 70’ Forlan accorcia le distanze dopo un buon dribbiling e l’intervento maldestro di Carrizo permette all’inter di accorciare le distanze per l’1-2.  Al 79’ l’inter trova il pareggio con il destro di Milito ben imbeccato da Forlan, che nonostante la grande imprecisione nei cross è stato decisivo cn il gol e l’assist. Finale convulso con occasioni da entrambe le parti, clamorose le opportunità capitate sui piedi di Seymour e Pazzini, ma il risultato non cambia, arriva un punto per l’inter.

La reazione all’intervallo: Sembra che a scatenare nei giocatori una reazione d’orgoglio sia stato J.Cesar, che nell’intervallo ha preso parola e pungolato i propri compagni nell’impresa di ribaltare il risultato. La svolta tecnica, invece, c’è stata quando Ranieri ha cambiato la statica coppia di centrocampo Cambiasso-Palombo per i due giovani Poli-Obi.Un cambio decisamente importante, soprattutto quello dell’argentino, accolto con un boato da S.Siro, ma male da Cambiasso che tornato in panchina è scoppiato in lacrime, un pianto figlio del momento di difficoltà dell’inter, che ha avuto il peso maggiore su chi negli anni ha dato tanto e soffre perché non riesce a darne altrettanto.

La domanda della Curva Nord: La curva degli ultras dell’inter prima del fischio iniziale ha mostrato tre grandi striscione indirizzati al Presidente Moratti: un primo diceva “Abbiamo chiesto dov’è l’uomo forte della società…e niente” , un secondo “ Abbiamo chiesto chiarezza….e niente”, il terzo rivolto direttamente a Moratti “ Le possibili conclusioni, caro Presidente, sono due: assenza o incompetenza?” . Resta da chiedersi se il Presidente neroazzurro risponderà a parole, o coi fatti a giugno, alla domanda dei tifosi interisti. Come sempre bisogna aspettare per saperne di più..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.