Tueff, il Rapper impegnato nel sociale: «La cultura hip hop è parte di me»

NAPOLI – Federico Flugi è in arte Tueff, rapper impegnato nel sociale con i suoi brani di denuncia. La terra in cui vive, Napoli, è la sua principale fonte di ispirazione. Gli «impulsi» che la città gli propone sono numerosi, e dalle sua musica si percepisce la voglia di restituire dignità alla città e alla sua gente. Gli spunti di riflessione sono davvero tanti.

L’anno scorso, durante i devastanti roghi che hanno distrutto migliaia di ettari sul Vesuvio, Tueff è sceso in piazza «a dare una mano», a spegnere gli incendi insieme ai vigili del fuoco, la protezione civile ed i numerosi volontari. Per lui la cittadinanza onoraria di Terzigno, Il Sindaco del paese infatti ha voluto ringraziarlo così. E quando gli abbiamo chiesto cosa lo ha spinto a fare un gesto così nobile, lui ha risposto: «Non so dire il perché, c’era un qualcosa dentro di me che mi diceva: devi andare mo mò. E così è stato». L’ultimo lavoro discografico di Tueff è «Brigante Pe Ammore» (con la musica di Gianni Mantice, con scene della clip girate a Terzigno e a Gaeta (regia di Frank Castiglione), con un testo che parla del brigante Pilone, che per ironia della sorte è vissuto proprio in quelle stesse aree in cui Tueff è intervenuto come volontario.

Federico Flugi, in arte Tueff, nasce nel quartiere San Giovanni e Paolo, “Sangiuvanniell”, lo stesso che vide crescere Enrico Caruso. Il rapper/beatmaker della sua passione per la musica dice «la cultura hip hop è parte di me, non ricordo quando è entrata nella mia vita, è come la mia radicata napoletanità». Nel suo percorso artistico vanta molte esperienze teatrali che vanno dalla classica napoletana (Scarpetta/De Maio) a quella greca (Aristofane).

 

Video

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.