Tonelli, Hamsik e Mertens, il Napoli c’è

NAPOLI (di Cristina Accardo) – Prende il via il girone di ritorno della Serie A: il Napoli ospita al San Paolo il Pescara di Oddo e raccoglie la seconda vittoria del 2017. Dopo un primo tempo in cui il Pescara da filo da torcere agli azzurri, costringendo gli uomini di Sarri ad andare negli spogliatoi sul risultato di 0 a 0, alla ripresa bastano pochi minuti per ribaltare il risultato. Ancora scottato dal pareggio della prima gara di campionato, Sarri nell’intervallo scuote i suoi ragazzi ed alla prima occasione, su punizione di Jorginho è ancora lui, Tonelli, difensore con il vizio del gol, a far esplodere il San Paolo sbloccare il risultato: 1 a 0 Napoli. Appena due minuti dopo, al 49’ è il Capitano Marek Hamsik di sinistro a volo, a sfruttare al meglio un passaggio preciso di Zielinski, autore di un’ottima prestazione, per il 2 a 0. La partita cambia volto e si fa più interessante; il Napoli attacca e cerca la rete che mette al sicuro il risultato: Callejon si divora un’occasione d’oro, ma no Mertens, che all’85’, ritorna nella veste di “falso nueve” mettendo dentro il 3 a 0 ed il 50 esimo gol con la maglia azzurra. Nei minuti finali arriva il gol della bandiera del Pescara con un rigore per il fallo ingenuo di Hysaj su Mitrita in area: l’attaccante la mette dentro, finisce 3 a 1 al San Paolo, con il Napoli che mantiene la terza posizione in classifica.

Le formazioni: Napoli: Reina, Hysaj, Albiol, Tonelli, Strinic (86′ Maggio), Zielinski (65′ Allan), Jorginho, Hamsik, Callejon, Insigne (80′ Giaccherini), Mertens.

Pescara: Bizzarri, Crescenzi, Bruno (64′ Fornasier), Coda, Zuparic, Verre (70′ Mitrita), Cristante, Memushaj, Benali, Caprari, Gilardino (72′ Cerri). All. Massimo Oddo

In campo – Freddo e pioggia per il Napoli che ritorna a giocare alle 15:00 e scende in campo nella ormai consueta tenuta bianco-azzurra. Il primo tempo non promette bene e non è solo il tempo a scoraggiare i tifosi accorsi a Fuorigrotta: partita noiosa e poco dinamica qualche sporadica occasione arriva dai singoli. Il primo è Insigne a tirare con la palla che esce di un soffio dallo specchio della porta; poco dopo ci pensa Hamsik, ma il portiere devia fuori. Il Pescara si affaccia in area azzurra ma Albiol difende l aporta di Reina. Prima di andare negli spogliatoi tentativo di Callejon lanciato a rete fermato da Bizzarri. Alla ripresa ci si aspetta una smossa che arriva con il nuovo goleador azzurro Tonelli; il toscano mette dentro, di testa, la rete dell’1 a 0; nenache pochi minuti ed Hamsik con un sinistro al volo sigla il raddoppio. Il Pescara tenta qualche ripartenza con Gilardino, ma Reina non è mai in pericolo. Sul fronte opposto, piovono occasioni azzurre: clamorosa quella al 75’ con il tiro di Jorgihno che tocca la traversa su deviazione di Bizzarri. All’85’, però, Mertens non sbaglia e dopo i precedenti tentativi, su cross di Allan mette dentro la rete numero 50 con il Napoli. E’ 3 a 0. Nei minuti finali il Pescara ha il tempo di segnare il gol della bandiera grazie ad un rigore, finisce 3 a 1 al San Paolo, con il Napoli alla terza vittoria consecutiva tra campionato e Coppa Italia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.