Tolo Tolo! L’indigestione collettiva…

di Danilo Piscopo

Come ogni bellissima favola italiana, anche questa inizia con 24 milioni d’incassi al botteghino. Ancora una volta a salvare il buon nome e l’innocenza della principessa chiamata “Cinema Italiano” ci pensa lui: il Cavaliere Luca Medici, in arte Checco Zalone.

Lo fa con il film “Tolo Tolo” commedia all’italiana che qualcuno (saggi critici cinematografici) ha già definito degno erede del film “La Vita è Bella” di Roberto Benigni (1997). Quindi qualcuno lo vorrebbe (sognando) a far la fila a Hollywood per raccattare statuette e Happy Meal insieme a un qualsiasi Black Panter (e perché no?).

La trama è semplice: Pierfrancesco Zalone, detto Checco, rifiutandosi di percepire il reddito di cittadinanza in quanto disoccupato, apre nel suo paese, Spinazzola, un improbabile ristorante giapponese chiamato “Murgia&Sushi”, ma, dopo appena un mese dall’apertura, viene travolto dai debiti, con il fisco che gli pignora il locale e lo costringe alla chiusura: per sfuggire ai creditori decide di scappare in Africa, dove trova lavoro come cameriere in un lussuoso villaggio turistico del Kenya. Qui fa amicizia con Oumar, anche lui cameriere e appassionato della cultura italiana, molto più acculturato ed intelligente del protagonista. Checco si innamora inoltre della giovane Idjaba e fa amicizia con suo figlio Doudou. Decide quindi di accompagnare Oumar, Idjaba, Doudou e altri migranti nel loro viaggio, tornando clandestinamente in Europa e pianificando di rifugiarsi nel paradiso fiscale del Liechtenstein, invece di tornare in Italia.

Zalone non abbandona i suoi soliti schemi, né la ricerca costante della battuta sul luogo comune, rendendo il film prevedibile e sfiorando, in molti punti, il ridicolo.

Tenta di giocare e deformare (non ridicolizzare, come dicono in molti) le dicerie più becere sull’immigrazione, senza mai tuttavia affondare davvero il colpo. La sua visione dell’italiano cafone, razzista, ma con il cuore d’oro, è paragonabile per assurdità solo al finale sconclusionato con il carrarmato americano (e non russo!) che libera il campo di concentramento ne  “La Vita è Bella“, appunto.

Ennesimo prodotto mediocre “made in Italy” che qualcuno (sempre quel qualcuno) definisce “capolavoro” in piena indigestione post-natalizia, evidentemente.

Inoltre, film più convincenti sul tema ci sono eccome, basti pensare al poco citato “Contromano” di Antonio Albanese (2018), dove la follia della frase “aiutiamoli a casa loro!” viene portata alle sue estreme conseguenze, un viaggio a ritroso (non come quello di Zalone, su un barcone con tre persone a bordo!) per riscoprire le nostre (e non le loro) radici e rendersi finalmente conto che ovunque si va, la terra da coltivare (o coltivarsi) è sempre la stessa. Vero film da recuperare.

Zalone non dice niente, e, se dice qualcosa, lo dice veramente male.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.