Tag Archive | "italia"

L’Italia incappa nel muro tedesco

Tags: , ,

L’Italia incappa nel muro tedesco


Epilogo brusco e prematuro per la nostra nazionale, costretta ad abbandonare gli Europei a causa della sconfitta nei quarti di finale contro la Germania di Low. L’undici azzurro cede alla superiorità tedesca, dopo aver prolungato il match fino ai rigori, rispetto ai quali l’avversario si dimostra più freddo e concentrato.

Italia battuta dalla Germania sui rigoriL’Italia di Conte scende in campo conscia delle scarse possibilità di successo, ma con tanta passione e voglia di crederci, purtroppo le scelte poco ponderate da parte del ct e l’inesperienza di alcuni giocatori, che davanti alla tensione della gara non riescono a mantenere i nervi saldi, fanno in modo che siano i tedeschi a proseguire il cammino europeo.
Nei tempi regolamentari la Germania dimostra la propria forza, trovando poi anche il gol dopo diversi tentativi; l’unica sbavatura della gara è imputabile a Boateng, che nella propria area commette il fallo che regala letteralmente il rigore e quindi il pareggio all’Italia. Di qui in poi il match è soltanto un lungo preambolo rispetto alla fase finale dei rigori, con poche emozioni e situazioni realmente pericolose.

Antonio Conte si rivela poco convincente nella gestione dei cambi, lasciando troppo poco spazio all’estro e alla freschezza mentale di giocatori quali Insigne e Zaza, mandato decisamente al patibolo al 120° minuto. Il match termina 7-6 dimostrando che fino alla fine la nostra nazionale avrebbe potuto meritare l’accesso alle semifinali. Migliore in campo: Florenzi, il centrocampista romano si propone spesso e volentieri a tutto campo e proprio a causa dell’enorme sforzo fisico è costretto ad abbandonare il match al 86° minuto, facendo spesso rimpiangere la propria presenza.

Peggiore in campo: Pellè, la mollezza e la leggerezza con le quali l’attaccante approccia al match in generale dimostrano le motivazioni, che hanno spinto i ct precedenti a non prenderlo mai in considerazione; il pugliese conclude poi in bellezza la sua prestazione con un tentativo mal riuscito di innervosire Neuer, che lo porta di contro a tirare uno dei peggiori rigori della serata. Triste bagno di realtà dunque per la nazionale italiana, approdata alla competizione europea piena di passione ma povera di qualità.

Share

Posted in SportComments (0)

Prova di carattere azzurro contro la Spagna

Tags: , ,

Prova di carattere azzurro contro la Spagna


(di Eleonora Posabella) – La nazionale italiana approda ai quarti di finale del Campionato Europeo, dopo aver superato la temutissima Spagna, che in maniera del tutto inaspettata fa un prematuro ritorno in patria.

Italia - Spagna, 2-0

Gli uomini di Conte, agguerriti e determinati, scendono in campo con un atteggiamento decisamente diverso rispetto alle recenti partite; la consapevolezza di essere inferiori sul piano tecnico rendi gli azzurri capaci di soffrire fino alla fine. Dopo una partenza davvero sprint e più di un’occasione sprecata l’undici italiano approda infatti al vantaggio grazie ad un’azione rocambolesca, che termina con il gol di Giorgio Chiellini; di qui in poi il possesso palla spagnolo è quasi assoluto e costringe spesso gli azzurri a rintanarsi nella propria metà campo.

I pochi tentativi di trovare il raddoppio vengono puntualmente sciupati in malo modo e costringono Buffon a dare prova delle sue capacità in più d’una occasione. Soltanto quando il match è ormai agli sgoccioli Pellè approfitta dell’ottima idea di Insigne per mettere al sicuro il risultato da un’eventuale pareggio. Inaspettata prova di forza e carattere dunque per l’undici di Conte, chiamato a percorrere un cammino europeo difficile sin da subito e che rischia di complicarsi ancora nella sfida dei quarti di sabato prossimo contro la Germania.

Migliore in campo: Giorgio Chiellini, il difensore bianconero è attento e preciso durante l’intero match, ma soprattutto si dimostra lesto nell’approfittare della goffa respinta di De Gea per ribattere in porta. Peggiore in campo: Thiago Motta, il centrocampista del Psg entra nel secondo tempo per sostituire l’infortunato De Rossi e rende immediatamente chiara la differenza. Poco più tardi si lascia ammonire per un fallo del tutto inutile, grazie al quale l’Italia dovrà fare a meno di lui nella prossima gara, notizia non del tutto negativa.

Share

Posted in SportComments (0)

La peggiore Italia mai vista passa come prima

Tags: , ,

La peggiore Italia mai vista passa come prima


(di Eleonora Poisabella) – Si chiude la fase a gironi di questa edizione 2016 dell’Europeo, che vede l’Italia  trionfare nel girone F su Belgio Irlanda e Svezia. Nell’ultima gara prevista la formazione di mister Conte affronta l’Irlanda, la quale si aggrappa all’ultima possibilità per prolungare la propria permanenza all’interno della competizione europea.

Il gol di Brady che ha deciso la partita. GettyA scendere in campo non sono però i cosiddetti titolari, lasciati in panchina a riposare in vista del ben più importante match di lunedì contro la Spagna. L’undici azzurro dunque, notevolmente rimaneggiato e senza nessuno che sia in grado di impostare il gioco, fatica a trovare i propri equilibri, lasciando fin troppo spazio agli avversari. Gli Irlandesi infatti tentano spesso di rendersi pericolosi, ma la loro carenza di qualità tecniche mette al sicuro la porta degli azzurri per gran parte del match; a pochi minuti dalla fine però il colpo di testa di Brady supera Sirigu, regalando così la gioia inaspettata di passare il turno agli uomini di O’Neill, che con questa vittoria si qualificano tre le migliori terze.

Di fatto una sconfitta che non toglie nulla alla nostra nazionale, già sicura di passare alla fase successiva come migliore del proprio girone, ma che evidenzia in maniera drammatica i limiti di una squadra, priva di idee e di iniziativa; soltanto l’ingresso di Insigne riesce infatti a destare dal sonno i tanti tifosi accorsi allo stadio di Lille per incitare la propria squadra.

Dopo questa partita è dunque impossibile decretare un migliore in campo, poiché la squadra al completo ha dimostrato le proprie carenze, che potrebbero risultare decisive nel prossimo e ben più impegnativo match contro la Spagna.

Peggiore in campo: si contendono invece il titolo di peggiore in campo Bernardeschi e Thiago Motta, il primo inesistente sulla propria fascia di competenza, il secondo che, oltre a rendersi  protagonista di una prestazione ai limiti dell’invisibile, finisce col diventare spesso l’uomo in più per gli avversari.

Share

Posted in SportComments (0)

L’Italia sfavorita sbaraglia il Belgio

Tags: , ,

L’Italia sfavorita sbaraglia il Belgio


(di Eleonora Posabella) – Debutto da favola per l’Italia di mister Conte, che nella prima gara della fase a gironi dell’ Europeo 2016 affronta a sconfigge la squadra belga, allenata da Marc Wilmots.

Italia Belgio, 2-0L’undici azzurro, nettamente sfavorito sulla carta, dimostra la propria forza, puntando su quelle che sono le sue armi migliori: entusiasmo e compattezza, facendo però sempre affidamento sul solido blocco difensivo della Juventus. Il match procede a momenti alterni, concedendo ghiotte occasioni ad entrambe le formazioni, finché al 32° minuto della prima frazione di gioco, il passaggio decisivo di un Bonucci “monumentale”, mette Giaccherini nelle condizioni di battere l’altissimo Courtois.
Di qui in poi l’Italia prende coraggio e si convince di poter portare a casa la vittoria, nonostante i numerosi tentativi di assedio da parte della squadra belga, che acquista maggiore sprint con l’ingresso di Dries Mertens, subentrato ad un’ impalpabile Nainggolan.
Appone il sigillo definitivo alla gara Pelle, che in pieno recupero approfitta dell’ottimo assist di Candreva per coordinarsi e calciare in porta, ringraziando così mister Conte della fiducia concessagli ancora una volta a discapito di altri attaccanti dai nomi più altisonanti.
Migliore in campo: senza ombra di dubbio Leonardo Bonucci, che oltre a dimostrarsi fondamentale nella manovra difensiva, si erge a principale artefice del gioco azzurro, propiziando quelle che sono le migliori azioni dell’intera partita.
Peggiore in campo: Darmian, l’esterno del Manchester United fatica a tenere il passo dei compagni e non si rende mai realmente utile sulla sua fascia di competenza, tanto da meritare la sostituzione dopo poco meno di un’ora; al suo posto subentra De Sciglio, decisamente più reattivo

Share

Posted in SportComments (0)

Training Course ad Amman per giovani giornalisti italiani

Tags: , , , , , , , , , , , , ,

Training Course ad Amman per giovani giornalisti italiani


NAPOLI  – Si terrà dal 3 al 9 maggio, ad Amman in Giordania, il training course “Media as a tool for active citizenship” – “I Media come strumento per la cittadinanza attiva”, nato in seno all’ Euro-Med Youth Programme IV, un programma che promuove la mobilità dei giovani e la comprensione tra i popoli, istituito nel quadro del terzo capitolo del processo di Barcellona dal titolo “Partenariato nei settori sociale, culturale e umano”.

I partecipanti, attivi nell’ambito dell’informazione mediatica e provenienti da sei paesi diversi – Giordania, Bulgaria, Marocco, Palestina, Romania e Italia – avranno l’occasione di approfondire il ruolo che i Media hanno nella società e nei cambiamenti politici, soprattutto dopo le recenti rivoluzioni come la “primavera araba” ed altri importanti eventi che hanno interessato i Paesi del Mediterraneo.

E’ di fatti, indubbio che dopo lo sviluppo della moderna comunicazione ad alta tecnologia, i media assumono un ruolo sempre più evidente nella vita dei giovani, attraverso i social media, siti web e blog. Il progetto avrà dunque la possibilità di approfondire il ruolo e l’impatto che essi hanno nella vita dei giovani oltre che di evidenziare i pregiudizi e le manipolazioni che, attraverso i media, investono temi importanti della vita politica

Il Corso di Formazione è organizzato e curato nelle diverse fasi dall’ AWMC- Arab Women Media Center– ed ha come partner italiani l’arciragazzi di Portici.  L’ obiettivo principale del training è   l’apertura di un dialogo vero fra giovani giornalisti europei e arabi, i quali esplorando le loro diversità potranno rafforzare le proprie capacità critiche e elaborare una comune strategia multimediale moderna e sviluppata.

Training Course ad AmmanI partecipanti avranno infatti l’occasione di lavorare su tematiche importanti relative ai media, come la libertà di espressione e opinione, l’estremismo, i diritti umani e la democrazia, col fine di promuovere la cittadinanza attiva e contribuire allo sviluppo di politiche giovanili nei diversi paesi partner.

Un’ esperienza interculturale intensa che favorisce la conoscenza dei paesi che si affacciano sul Mediterraneo, troppo spesso vittime di pregiudizi e stereotipi. Non certo nuova per la AWMC, l’organizzazione ONG, con sede ad Amman, guidata da Mahasen Al Emam e da un comitato di donne giornaliste, che da tempo è impegnata in queste tematiche, favorendo lo sviluppo dei media arabi, la formazione degli addetti al settore e la tutela delle donne.

Share

Posted in CulturaComments (0)

La Juve è campione d’Italia…ancora!

Tags: , , ,

La Juve è campione d’Italia…ancora!


NAPOLI (di Eleonora Posabella) – La Juventus si laurea campione d’Italia per la quarta stagione consecutiva e lo fa con ben quattro giornate d’anticipo rispetto alla fine del campionato di serie A.

Foto Marco Alpozzi - LaPresse 05 05 2013 Torino Sport Campionato di calcio Serie A TIM 2012/2013 Juventus vs. Palermo  Nella foto: Coreografia ingresso squadre in campo Foto Marco Alpozzi - LaPresse 05 05 2013 Turin Sport Football Italian Championship Season 2012/2013 Juventus vs. Palermo  In the picture

Fonte: Marco Alpozzi, LaPresse

La partita che permette all’ undici bianconero di approdare a questo ennesimo grande successo si svolge contro la Sampdoria a Marassi, dove l’undici di Allegri compie una prestazione davvero eccellente. Il team nel suo complesso e non le singole personalità danno infatti vita ad un’ ottima performance, che raggiunge il suo culmine al 32° minuto, quando Vidal, si inserisce di testa sull’ assist pennellato da Lichtsteiner.

I blucerchiati di Mihajlovic non riescono dunque ad opporsi alla determinazione con la quale la Juventus si presente al Ferraris; l’incentivo dato dall’ avere l’obiettivo a portata di mano rende infatti la vecchia signora cinica e precisa. Migliore in campo: Arturo Vidal, il cileno è forse l’uomo più in ombra di questa fase della stagione, ma approfitta splendidamente della disattenzione difensiva degli avversari per regalare la vittoria alla sua squadra.

Una volta raggiunto il primo degli obiettivi della “nuova” Juventus di Massimiliano Allegri, l’attenzione dei bianconeri è tutta rivolta al primo dei due match di Champions League contro l’imbattibile team di mister Ancelotti, in programma domani sera allo Juventus Stadium, nel quale la vecchia signora dovrà dimostrare di aver meritato di sedere in cima alla classifica europa con “giganti” del calibro di Real Madrid, Barcellona e Bayern Monaco.

Share

Posted in SportComments (0)

Confesercenti, 12,6 mln in vacanza, ma viaggi brevi

Tags: , , , ,

Confesercenti, 12,6 mln in vacanza, ma viaggi brevi


ROMA – Pasqua all’insegna della vacanza breve, ma anche come occasione per staccare dallo stress lavorativo e coprire – o riscoprire – un po’ delle bellezze del nostro Paese.

Viqggi, auto, macchineE’ questo il ‘sentiment’ dei viaggiatori italiani che emerge dalle rilevazioni condotte da Confesercenti con le agenzie di viaggio in occasione delle prossime vacanze pasquali, e che conferma le rilevazioni del sondaggio Confesercenti-SWG, diffuse la scorsa settimana. A partire sara’ un italiano su quattro (circa 12,6 milioni di persone), di cui la stragrande maggioranza diretta in una destinazione nazionale: quest’anno il nostro Paese e’ la meta dichiarata dall’88% di chi fara’ un viaggio. Tra le localita’ piu’ gettonate resiste la Toscana, mentre crescono le regioni meridionali: secondo le agenzie di viaggio Assoviaggi Confesercenti, si registrano buoni andamenti delle prenotazioni turistiche per Napoli, Costiera Amalfitana, Isole Eolie e Sicilia.

Share

Posted in ViaggiComments (0)

Per un’Italia Matta, ci voleva lui

Tags: , , , ,

Per un’Italia Matta, ci voleva lui


ROMA – Sergio Mattarella ha raggiunto il quorum per l’elezione a presidente della Repubblica. Aul’ alla Camera e’ scattato un lungo applauso alla fine dello spoglio. 665 i voti raggiunti.

Sergio Mattarella

Sergio Mattarella

 

Share

Posted in PoliticaComments (0)

L’Italia ricorda Eduardo

Tags: , , , ,

L’Italia ricorda Eduardo


ROMA – Il 31 ottobre del 1984 moriva Eduardo De Filippo. Una ricorrenza che l’Italia, e la “sua” Napoli in particolare, commemora con numerose iniziative. Nella data della scomparsa Eduardo, che fu anche senatore, sarà ricordato appunto in Senato. Una sede istituzionale cui si affiancherà nello stesso giorno
un’altra sede istituzionale di tutt’altro genere, il carcere minorile di Nisida, i cui giovani metteranno in scena un testo di De Filippo.

Eduardo De FilippoDue luoghi lontani fra loro come lontani furono gli inizi e gli anni del successo del commediografo, attore e regista napoletano, uniti da una costante attenzione per gli ultimi. La commemorazione in Senato sarà trasmessa in diretta, dalle 11, su Rai5, vi parteciperanno, fra gli altri, il figlio Luca, Lina Sastri e Nicola Piovani.

Fra gli altri appuntamenti in tv, un media ampiamente usato da Eduardoche aveva invece un rapporto conflittuale con il cinema, spicca il 2 novembre, in diretta dal Teatro San Ferdinando di Napoli, la messa in
scena di “Le voci di dentro”, firmato e interpretato da Toni Servillo, con la regia televisiva di Paolo Sorrentino, che la sala partenopea programma dal 29 ottobre al 9 novembre.

Share

Posted in CulturaComments (0)

Rifiuti: dall’UE ennesima sanzione in vista per l’Italia

Tags: , , ,

Rifiuti: dall’UE ennesima sanzione in vista per l’Italia


NAPOLI (di Maurizio Scialdone) – L’Unione Europea continua a trovare inadeguatezze nel trattamento dei rifiuti in Italia. Non è solo più la Campania o la discarica di Malagrotta vicino Roma ad essere nel mirino dell’UE, ma lo sono anche la discarica di Matera/Altamura Sgarrone e Reggio Calabria, località Malderiti.

158.000 euro al giorno di multa oltre ad una cifra che si aggira intorno ai 60 milioni di euro da versarsi alla UE proposti dall’avvocatura dell’Unione Europea, nella persona di Juliane Kokott, per non aver rispettato la Direttiva Europea del 2006 per la realizzazione di impianti adeguati alla raccolta, al controllo ed allo smaltimento dei rifiuti.

L’avvocato Kokott ha accusato l’Italia di non aver operato adeguati controlli sulle oltre 400 discariche abusive in giro per il paese, oggetto nel 2007 dRifiutii una sentenza della Corte Europea. Le due discariche sono al momento solo la punta dell’iceberg delle quali l’Unione Europea chiederà conto all’Italia.

La discarica Matera/Altamura in contrada Sgarrone è stata oggettodi una svista, secondo l’ex assessore all’ambiente del Comune di Matera, Rocco Rivelli, in una precisazione pubblicata il 10 settembre da Sassilive.it, confusa con due discariche, quella in Contrada Trasanello e quella in Contrada Pozzo Misseo, già bonificate, sempre secondo l’ex assessore, nel 2012. Mentre quella definita “Contrada Sgarrone” sarebbe in realtà quella su di una porzione di strada vicinale comunale, “Murgia Catena” segnalata già a suo tempo alla Regione Basilicata.

Sul sito dell’Associazione Lista Scopelliti, ex presidente della Regione Calabria, sito sul quale non compaiono date, invece, si legge che per la bonifica della discarica di Reggio Calabria, località Maldariti, sarebbero (oppure erano, oppure saranno… chi può dirlo) previsti interventi per 1,7 milioni di euro (http://www.630milioniareggio.it/index.html).

Ed altre chiamate arriveranno. Nessuno si senta escluso: Campania, Lazio, Emilia Romagna, Liguria, Lombardia, Marche, Piemonte, Umbria e Sicilia. Ed ovviamente Basilicata e Calabria.

Sta di fatto che, tra chi prevede e chi smentisce, chi come al solito prende le distanze, chi si dimette o è dimesso, tra qualche giorno la Commissione dell’Unione Europea si pronuncerà sulle richieste dell’Avvocato Kokott. E se saremo giudicati colpevoli saremo chiamati a versare l’ennesima cifra da capogiro  per colpa di chi doveva bonificare e non ha bonificato, o di chi doveva controllare e non ha controllato. E stiamo parlando solo di due degli oltre 400 siti individuati…

Share

Posted in CronacaComments (0)



Seguici su FaceBook