Stramaccioni paga per tutti? All’Inter arriva Mazzarri

NAPOLI (di Nicola Brattoli) – “Se mi esonerano?  Nell’anno dei record sarebbe un record essere esonerato quattro giorno dopo la conferma”. Erano queste le parole l’11 maggio di Andrea Stramaccioni alla vigilia della penultima giornata di campionato contro il Genoa. Come è andata a finire è cosa nota. Ha pagato lui e probabilmente lo ha fatto per tutti.  Nell’annus horribilis dell’Inter, fuori dall’Europa dopo quattordici anni è stato esonerato l’allenatore più giovane della Serie A, colui che doveva far ripartire i neroazzurri con un progetto di giovani. Giustamente, visti i risultati.

StramaccioniCerto è che cacciare l’allenatore è spesso la via più semplice per il cambiamento, ma chi pagherà per i vari Silvestre, Schelotto, Mudingay, Kuzmanovic, Jonathan e per le svendita clamorosa di Sneijder? Perché Stramaccioni,  quindici giorni prima dell’ufficiale esonero, parlava di conferma? È evidente che l’indecisione societaria, nella figura di Massimo Moratti, e le scelte sbagliate di chi i calciatori li cerca, Branca e Ausilio, dovranno rispondere in qualche maniera alla disfatta nell’annata 2012/2013. Ci si è appellato spesso e volentieri agli infortuni, però va detto chiaramente che la panchina neroazzurra è la più scarsa degli ultimi dieci anni. Volendo dare uno sguardo al passato, l’inter è andata vicina a grandi traguardi con Ventola e Kallon, ha vinto scudetti grazie a Julio Ricardo Cruz e nell’anno del Triplete i vari Cordoba, Stankovic, Balotelli lottavano e spesso non riuscivano ad essere titolari. Quindi oltre alla sfortunata stagione c’è altro. Ora nel pianeta neroazzurro è sbarcato Walter Mazzarri. Il tecnico di San Vincenzo ha fatto benissimo a Napoli, soprattutto nelle annate in cui vi era un solo obiettivo dichiarato. Quest’anno l’inter dovrà concentrarsi solamente sul Campionato e sarà un enorme vantaggio, in termini di forze fisiche.  È stato scelto per la sua esperienza, perché è un uomo d’ordine e potrebbe essere l’uomo forte richiesto a gran voce dalla Curva Nord di Milano. Mazzarri è una sicurezza per quanto mostrato nella sua carriera, almeno sicuramente più di Strama, ma l’inter ed i suoi dirigenti riusciranno a riscattarsi da questi anni bui con dei solidi acquisti di mercato? E soprattutto le idee di cosa fare sono chiare?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.