SInergìa Italia Cina sempre più forte

Il ministro Profumo

NAPOLI – ”La sinergia economica con la Cina si rafforza grazie a questi incontri e alla firma degli accordi ma anche attraverso le relazioni umane visto che sono migliaia gli studenti cinesi che si formano in Italia e molti ragazzi italiani vanno anche a studiare in Cina”. E’ con lo sguardo al futuro che il ministro dell’Universita’ e della Ricerca Francesco Profumo ha aperto a Napoli il ‘China Italy Innovation Forum – Sino Italian Exchange Event (SIEE)’, uno dei piu’ consolidati eventi di scambi e ricerca partner tra Italia e Cina, promosso dai Ministeri dell’Istruzione Universita’ e Ricerca italiano e Cinese. Profumo, nel suo intervento, ha ricordato anche che ”l’Italia deve rafforzare la propria capacita’ di innovazione anche migliorando l’accesso all’ultilizzo dei fondi europei per la ricerca’. La due giorni a Citta’ della Scienza si e’ aperta con la firma di alcuni accordi di cooperazione nell’ambito della ricerca su settori rilevati come la medicina e le tecnologie ambientali. Un tema, questo, che sta molto a cuore al sindaco di Napoli Luigi De Magistris che ha sottolineato come i soggetti pubblici e i privati a Napoli siano pronti ”a cogliere – ha detto – le opportunita” delle relazioni commerciali ed economiche con la Cina ed a lanciarsi nell’innovazione soprattutto nel campo della mobilita’ sostenibile”. Napoli e’ infatti, insieme a Bari e Genova, in prima fila per i progetti di smart cities finanziati dall’Unione Europea. Di smart cities si e’ parlato anche negli incontri b2b che molte aziende campane stanno avendo con i partner cinesi che incontrano a Napoli esponenti anche di altre regioni, in particolare di Piemonte e Toscana, presenti al forum con le rispettive agenzie regionali di sviluppo. E il tema e’ di grande attualita’ anche in Cina dove, ha ricordato l’ambasciatore cinese in Italia Ding Wei, ”al diciottesimo congresso del Partito Comunista Cinese si e’ deciso di puntare sull’ innovazione energetica e di concentrare gli sforzi su questo. L’Italia ha eccellenti esperti scientifici e competenze di prestigio su scala mondiale ed e’ quindi un partner molto importante”. L’ambasciatore, nel merito delle relazioni meramente commerciali, ha ricordato che ”un recente sondaggio in Cina sulla conoscenza di marchi internazionali ha visto la presenza di sei marchi italiani tra i dieci piu’ citati dai cittadini”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.