Serie A: sotto Juve e Roma solo mediocrità’!

NAPOLI (di Eleonora Posabella) – Al rientro dall’ ennesima pausa, dovuta alle qualificazioni per l’Europeo del 2016, la maggior parte delle squadre del campionato italiano non brilla e soprattutto non convince.

E’ il caso della Roma che nell’ anticipo pomeridiano di sabato in trasferta a Bergamo porta a casa tre punti senza meritarli, contro un’ Atalanta tosta e motivata dal vantaggio maturato gia’ nel primo minuto del match. Serie-ALa qualita’ dei singoli giocatori influisce e non poco ai fini del risultato, poiche’ sono le belle giocate di Ljajic prima e Nainggolan poi a raddrizzare una partita decisamente ostica per i giallorossi di Rudi Garcia.

In serata la Juventus risponde con estrema veemenza alla vittoria della diretta avversaria, schiacciando la “piccola” Lazio di Stefano Pioli: la formazione biancoceleste rende il compito davvero semplice agli ospiti sempre famelici e decisi a restare in vetta. Domenica ad ora di pranzo si affrontano all’ Olimpico Torino e Sassuolo in un match che sembra avere davvero poco da dire, soprattutto dopo l’ennesimo rigore sbagliato dalla formazione granata; al 87 minuto invece, con un colpa di coda grazie all’ ingresso di Floro Flores, il Sassuolo strappa la vittoria sotto gli occhi increduli del pubblico torinese.

Alle 15.00 e’ la volta del Napoli di poter dire la propria e lo fa al San Paolo con il Cagliari, la sfida contro i sardi prevede lo scontro tra due degli allenatori meno inclini alla difesa ed il risultato e’ dunque di facile pronostico. Tre gol per parte spettano in questo match alle due squadre con errori difensivi ai limiti del dilettantesco e dormite proverbiali, come quella degli ospiti sull’ incredibile rimessa di Ghoulam, che con un lancio di 40 metri mette fuori dai giochi la difesa cagliaritana e regala un assist perfetto per la rete poi realizzata da Higuain. La fortuna pero’ non arride fino in fondo ai padroni di casa, che nonostante il vantaggio maturato nel corso del primo tempo, riescono ugualmente nell’ impresa catastrofica di sciupare tutto e sono quindi costretti ad accontentarsi di un punto, che in questo campionato di mediocrita’ vale comunque il terzo posto.

Contemporaneamente la Sampdoria decide di prendersi una giornata di riposo contro il Cesena; la squadra di Mihajlovic non e’ infatti incisiva come suo solito e lo dimostra la prestazione opaca di una delle sue stelle: Manolo Gabbiadini. I blucerchiati nonostante non interrompano la striscia di risultati positivi devono accontentarsi di un misero pareggio reso ancora piu’ amaro dallo scivolone del Napoli, diretto avversario per un posto nell’ Europa che conta.
Vince invece la Fiorentina al Bentegodi, i viola ancora in attesa di un ritorno di fiamma da parte del bomber Mario Gomez si accontentano del gol di Cuadrado, il quale finalmente interrompe il digiuno.
Trionfo anche per l’Empoli fuori casa contro il Parma, ormai certezza in negativo del campionato italiano; mentre l’ Udinese di Stramaccioni non va oltre il pari al Friuli contro il Chievo. In serata occhi puntati sul derby di Milano, la cui compagine nerazzurra si appresta a dare il bentornato a mister Mancini dopo l’esonero di Walter Mazzarri. La partita e’ un banco di prova per entrambe le squadre poiche’ il Milan e’ ancora a caccia di una vittoria che scacci via le nuvole e il neo tecnico interista deve ricambiare l’affetto dei tifosi con dei risultati convincenti.

L’esito del match, terminato in pareggio, fornisce l’ennesimo alibi ad entrambe le parti, protagoniste di una partita davvero noiosa, in cui e’ emersa la poca qualita’ di cui godono al momento le societa’ milanesi; l’unica nota positiva che addolcisce la serata e’ lo stadio Sansiro, riccamente addobbato di striscioni e sportivita’. Chiude l’undicesima giornata il match del Ferraris tra Genoa e Palermo, che lascia invece ben sperare coloro i quali danno per spacciato il calcio italiano, la gara infatti risulta intensa e procede a ritmi di gioco molto serrati con tutte e due le formazioni che cercano di portarsi a casa la vittoria senza demeritarla. Il pareggio e’ probabilmente il risultato piu’ giusto per quanto visto in campo, ma nega la possibilità’ di aggancio al Napoli ai rossoblu’, che ancora una volta sono costretti a guardare al terzo posto con il binocolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.