Serie A: il Napoli risponde ancora presente

NAPOLI (di Eleonora Posabella) – Ad una sola giornata dalla conclusione di questa stagione 2015 – 2016 il campionato italiano non ha ancora decretato tutte le possibili sentenze; la testa e la coda della classifica sono però ormai certe.

Serie-ALa Juventus capolista è infatti già da tempo campionessa d’Italia, nonostante la brutta figura rimediata al Bentegodi di Verona contro per altro l’ultima in classifica. Dunque Verona e Frosinone sono anch’esse già certe della matematica retrocessione in serie B, mentre restano in bilico le sorti di Palermo e Carpi. La penultima giornata di serie A inizia però con l’anticipo delle 18.00 tra Inter ed Empoli; i nerazzurri di Mancini, ormai praticamente sicuri del proprio quarto posto scendono in campo contro i Toscani senza troppe ansie e forse proprio per questo ottengono una bella vittoria, che passa attraverso le reti di Icardi prima e Perisic poi.

In serata un Milan ai limiti dell’orrore espugna il Dall’Ara di Bologna grazie al rigore concesso dall’arbitro Doveri e realizzato dal dischetto da Bacca; i rossoneri giocano in superiorità numerica per ben 80 minuti di gioco, senza però che nessuno se ne accorga. La vittoria non addolcisce dunque il finale di campionato dell’ undici di mister Brocchi, il quale avendo avuto a disposizione pochissime giornate, non è riuscito a dare una propria impronta alla squadra, che pecca infatti ancora di personalità. Domenica alle 12.30 la Roma disintegra la formazione di Maran, che si presenta all’Olimpico senza nessuna pretesa e per questo subisce mestamente il gioco dei padroni di casa.

Il successo casalingo dei giallorossi lascia una porta aperta rispetto al secondo posto in vista del posticipo tra Torino e Napoli. Alle 15.00 il Genoa stende letteralmente una Sampdoria in ginocchio, vincendo così “fuori casa” il derby della lanterna. La sorte è avversa anche per il Carpi che ospita allo stadio Braglia la Lazio; la squadra di Inzaghi si impone nettamente contro gli emiliani, anche grazie ai ripetuti errori dal dischetto di Mbakogu, il quale si lascia parare da Marchetti ben due rigori. Intanto il Sassuolo batte il Frosinone al Matusa, spegnendo definitivamente i sogni dei laziali di giocare anche nella prossima stagione in serie A.

Non vanno oltre il pari le gare tra Atalanta e Udinese e Fiorentina e Palermo, quest’ultimo pareggio porta i rosanero a superare il Carpi di appena un punto, rimandando così la sentenza sulla retrocessione all’ultima giornata. In serata la Juve, come già accennato, si lascia vincere da un Verona già retrocesso senza dare l’impressione di voler combattere, mentre il Napoli ottiene una vittoria sofferta ma meritata contro il Torino, dopo tanti minuti di dominio assoluto, riportandosi così ancora una volta seconda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.