Sequestrano 56enne per rapinare armi, arrestati

NAPOLI – Minacciato con una pistola e poi picchiato, seviziato con una roncola e costretto a stare seduto per ore legato mani e piedi a una sedia e imbavagliato con nastro adesivo da imballaggio. E’ accaduto a un 56enne che abita in una casa nelle campagne di Varcaturo, nel Napoletano, aggredito la sera dell’8 giugno scorso da due persone che volevano impossessarsi delle sue armi e di denaro, ma che non sapevano che i 6 fucili e la pistola non erano più’ da qualche tempo nella disponibilità’ della loro vittima. I due hanno torturato l’uomo per ottenere le indicazioni sul nascondiglio delle armi.

PoliziaRiuscito a liberarsi dopo alcune ore, il 56enne ha telefonato al 112 chiedendo aiuto, riuscendo a malapena a dare le indicazioni necessarie per raggiungerlo,
prestargli aiuto e avviare le prime indagini. I carabinieri del nucleo investigativo del reparto operativo di Napoli hanno identificato e poi sottoposto a fermo di pm emesso dalla Direzione distrettuale antimafia Giovanni Simeoli, 40 anni, gia’ noto alle forze dell’ordine e ritenuto contiguo al clan Polverino, operante nell’hinterland a Nord del capoluogo campano, e Luigi Vallefuoco, 55 anni, che ha operato da basista sebbene fosse già’ agli arresti domiciliari. A casa di Simioli, nascosta in una dispensa, i militari hanno trovato una pistola risultata oggetto di furto commesso nel Napoletano lo scorso due giugno. Sequestrare alcuni degli strumenti di tortura usati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.