Scontri a Lettere e Filosofia, Framondi di Confederazione degli studenti: “Giornata nera per la storia dell’ Ateneo”

Universita Federico II

NAPOLI – Gli scontri dell’altro giorno avvenuti a Lettere e Filosofia ad opera di facinorosi lasciano perplessi e sconcertati gli studenti dell’Ateneo. Sulla vicenda interviene Il segretario regionale della confederazione degli studenti Marcello Framondi: “Ciò che è avvenuto l’altro giorno rappresenta uno spiacevole episodio aimè non nuovo negli ultimi periodi. Disordini tra esponenti di casa – pound e collettivi di lettere si sono già verificati negli scorsi messi con l’ accoltellamento di uno stesso ragazzo della facoltà. Tali episodi rappresentano  giornate nere per la storia dell’ Ateneo Federiciano, che ci riportano alle tristi giornate degli scontri degli anni 70 tra gruppi di studenti “rossi” e “neri”.

In mezzo a tale scontro, che poco a che vedere con le proteste studentesche per il diritto allo studio e contro i tagli del Ddl Gelmini, ci sono gli studenti veri, li stessi che scendono in piazza contro una riforma sbagliata ma che allo stesso modo tentano di mantenere le scadenze del proprio percorso di studi, evitando che la condizione di fuori corso contribuisca ad aggravare la propria situazione.

E’  loro che la Confederazione degli Studenti vuole salvaguardare facendo un appello alle forze dell’ ordine affinchè vigilino in modo tale da evitare che gruppi provocatori come quelli di “Casa Pound”  invadino le facoltà per scatenare disordini. Il secondo messaggio è rivolto ai gruppi dei collettivi di Lettere e Filosofia che hanno avuto la furbesca pensata di rioccupare la facoltà ancora una volta: già l’ anno scorso a causa di un’ occupazione continua della facoltà, tanti studenti non hanno potuto sostenere esami nella sessione autunnale o addirittura non gli è stato possibile laurearsi, creare le stesse condizioni anche quest’ anno, non è una forma di protesta a favore degli Studenti ma solo un recar danno agli stessi.

Come Confederazione degli Studenti, ci auguriamo che episodi come quelli di ieri non si verifichino mai più e che gli studenti di Lettere e Filosofia, possano tornare a studiare e seguire corsi nelle loro aule al più  resto, noi continueremo a portare le Loro istanze all’ interno di tutte le istituzioni come da sempre facciamo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.