Sanità. Occupata villa bianca contro la chiusura del reparto maternità

NAPOLI – “Continua la protesta dei dipendenti di Villa bianca che, a partire dal 1 giugno, non avranno più il loro lavoro perché la proprietà ha deciso di chiudere il punto nascita perché l’ex commissario straordinario per la sanità, Morlacco, non ha realizzato quanto aveva garantito nel corso dell’audizione in Commissione sanità e in altre occasioni pubbliche, condannando alla chiusura il reparto maternità che ha visto nascere decine di migliaia di napoletani negli ultimi decenni”.

Villa biancaLo ha detto il presidente del gruppo consiliare Campania libera, Psi e Davvero Verdi, Francesco Emilio Borrelli, componente della Commissione sanità, che, questa mattina, ha partecipato all’assemblea indetta dai lavoratori, annunciando che “domani, mercoledì 11, ci sarà un incontro tra i rappresentanti della Regione, i sindacati e la proprietà per trovare una soluzione che eviti la chiusura del reparto di maternità e il licenziamento di decine di persone”.

“La chiusura del reparto sarebbe un ulteriore impoverimento dell’offerta sanitaria in città e, per questo, dobbiamo fare di tutto per evitarlo” ha concluso Borrelli per il quale “la prima cosa da fare è capire perché l’ex Commissario non ha portato a termine quanto promesso e se quella soluzione è ancora valida e può essere portata avanti dal nuovo commissario, Polimeni”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.