Rifiuti, richiesta di prescrizione per Bassolino

NAPOLI (di Maurizio Scialdone) – Antonio Bassolino, ex governatore della Campania potrebbe non subire condanne per lo scandalo dei rifiuti del 2004. O potrebbe non essere prosciolto. Sta di fatto che nella requisitoria, il pm Sirleo, ha chiesto la prescrizione dei reati per Bassolino, nonostante lo ritenga colpevole (parole sue).

Napoli-rifiutiL’ex governatore era finito nei guai nel periodo tra il 2004 e il 2008, periodo in cui era stato nominato commissario straordinario per l’emergenza rifiuti. Talmente “emergenza” che nel Maggio 2011 i rifiuti erano ancora per strada… I capi di accusa andavano dall’accatastamento di eco balle grandi come dorsali appenniniche a discariche sbucate da nulla… Sono quattro i nomi, invece, per cui il pm ha richiesto condanne. Uno di questi è Pier Giorgio Romiti ex manager della Impregilo per il quale sono stati chiesti 2 anni e 6 mesi. Sarà un’impressione, ma quando c’è Impregilo (di tangentopoliana memoria) di mezzo sono solo guai e il minimo che ti può accadere è che finisci sui giornali. L’Impregilo in questo processo (perché farsene scappare uno?) era presente con altre ditte con l’accusa di truffa, falso e “traffico di rifiuti”… (traffico di rifiuti ??? scusate ma su “traffico di rifiuti” mi scappa da ridere)…
Impregilo oltretutto è quella stessa ditta che nel febbraio del 2012 ha incassato ben 355 milioni di euro dalla Regione Campania, costretta ad utilizzare fondi FAS (355 di 500 per il quinquennio 2007-2012) per l’acquisto dell’inceneritore di Acerra.

Sarà un caso, ma mentre per gli altri viene chiesta la prescrizione per l’impregilo, oltre alla richiesta di condanna per l’ex manager, c’è la richiesta di una sanzione di 750 mila euro e l’interdizione da future gare con le pubbliche amministrazioni. Il tutto sotto gli occhi increduli dei cittadini e delle associazioni di Chiaiano. “Simpatiche” le dichiarazioni dei difensori di Bassolino che si dichiarano indignati per la richiesta di prescrizione perché…”si dicono convinti di provare la sua innocenza”. Evidentemente, come si dice, Dio li fa e poi li accoppia. Dice il pm Sirleo: ”Ritengo che Antonio Bassolino abbia concorso nella perpetrazione dei reati, ma… ecc…ecc…”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.