Rifiuti a Napoli, la spazzatura invade le strade

NAPOLI – Si aggrava di ora in ora la situazione dei rifiuti accumulati in molte delle strade di Napoli. Vere e proprie microdiscariche a cielo aperto costellano le vie del centro, invadendo i marciapiedi e il tracciato stradale, costringendo auto e pedoni a uno slalom tra i sacchetti. All’esterno dell’ospedale Vecchio Pellegrini la quantità di immondizia è tale da ostacolare la manovra delle ambulanze dirette al pronto soccorso. Lungo la centralissima via Toledo, all’angolo con via Stendhal, alcuni metri di marciapiede sono disseminati di rifiuti proprio all’ingresso di un megastore per bambini e ragazzi. Altrettanto esteso, a poche decine di metri, il cumulo di immondizia all’ingresso di un megastore di abbigliamento. A via Monteoliveto la spazzatura è tracimata dal marciapiede, finendo sulla sede stradale. Spazzatura anche nelle aree private. Succede nella zona dei Colli Aminei, dove da due anni è partita la raccolta differenziata. I bidoncini qui si trovano all’interno dei condomini: l’altro ieri in via Nicolardi è saltata la raccolta di plastica e alluminio, e numerosi tra parchi privati e stabili sono pieni di sacchetti. Il sindaco Rosa Iervolino ha indetto per le 12 una conferenza stampa in cui fare il punto sulla nuova emergenza che sta colpendo la città, a causa dei problemi di smaltimento nella discarica di Terzigno, da giorni assediata dai manifestanti che si oppongono all’apertura di un secondo sversatoio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.