Ranking Atp: Murray stacca Djokovic, Sale Querrey

Napoli (di Raffaele Caiffa) – Il ranking Atp non è stato scosso particolarmente in questa settimana, anzi: dopo il torneo di Melbourne e 2 mesi dall’inizio della stagione 2017, la classifica non riserva particolari sorprese.

Andy Murray è sempre più al comando del circuito Atp con i 500 punti della vittoria del torneo di Dubai e raggiunge quota 12040, il distacco con Novak Djokovic è cresciuto a causa della prematura eliminazione nei quarti di finale dal torneo di Acapulco: il serbo guadagna solo 90 punti toccando quota 9735. Fermi per inattività Stan Wawrinka, Milos Raonic e Kei Nishikori che mantengono le loro posizioni precedendo il n.6 del mondo Rafa Nadal, che con i 300 punti guadagnati per la finale di Acapulco raggiunge quota 4415.

Scala un posto in top 10 Marin Cilic che sale al 7o posto con la semifinale di Acapulco ed i suoi 3590 punti, 110 in più rispetto a Jo-Wilfried Tsonga, fermo ai box la scorsa settimana. Pausa anche per Dominic Thiem (3375) che non viene sorpassato da Roger Federer, sempre decimo a causa dell’eliminazione dello svizzero al secondo turno del torneo di Dubai (3305).
Gael Monfils guadagna una posizione superando David Goffin, rispettivamente n.11 e 12 del ranking Atp. Significativo passo in avanti per Sam Querrey che scala 14 posizioni tornando in top 30 con la brillante vittoria ad Acapulco ai danni di Rafa Nadal. Fa 6 passi in avanti anche Fernando Verdasco che con i 300 punti della finale di Dubai si piazza al 29o posto del ranking Atp.

Per i primi 3 italiani in classifica non ci sono particolari cambiamenti di posizione: Paolo Lorenzi resta n.38 del mondo con 1077 punti, Fabio Fognini perde una posizione scendendo al 43esimo gradino del ranking Atp con 980pts. Perde 2 posizioni Andreas Seppi, n.75 del mondo con 710 punti, mentre Alessandro Giannessi si avvicina alla top 100 avanzando di 6 posizioni (n.121 del mondo con 487 punti).

Raffaele Caiffa

cell. 339 3103590

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.