Parco Pubblico Raffaele Viviani, pronto il rilancio

NAPOLI (di Maurizio Scialdone) Il Parco Raffaele Viviani, in via Girolamo Santacroce a Napoli, sta per essere restituito alla collettività. La II Municipalità, Avvocata Montecalvario, ha stanziato 400.000 euro per la riqualificazione dell’area verde.

parco Viviani Il Parco, composto da circa 2 ettari di verde attrezzato e di cavità scavate nel tufo, fu istituito nel  1994 e realizzato dal Comune di Napoli con fondi post-terremoto. Già sul finire del 2003, a poco meno di dieci anni dalla fondazione il parco presentava alcune criticità, anche se uno studio del wwf, “indagine sui servizi e la fruibilità dei Parchi e Giardini pubblici del comune di Napoli” lo inseriva ancora tra i parchi qualitativamente di media accoglienza. Ma arrivando ormai allo stato attuale, degrado ed abbandono non consentivano più di aspettare oltre, tant’è che la II Municipalità, in vista appunto di una riqualificazione, si è avvalsa della collaborazione gratuita dell’Istituto Nazionale di Bioarchitettura (INBAR), presieduto a Napoli dalla prof.sa Virginia Gangemi, già direttrice del Dipartimento di Disegno e Rilievo nella Facoltà di Architettura di Napoli.

In fase preliminare sono state studiate e catalogate tutte le essenze arboree, le criticità dei costoni tufacei, il monitoraggio del dissesto idrogeologico e le esigenze di fruibilità del parco, soprattutto di coloro che abitano nelle zone circostanti.

Il progetto “sostenibile”, per il quale a breve verrà pubblicato il bando per la realizzazione delle opere di riqualificazione, prevede interventi di contenimento proprio di quei costoni tufacei e rocciosi, con particolare attenzione alle cavità su cui poggia il Parco (così come del resto quasi tutta la città di Napoli), nuovi percorsi per gli anziani, le nuove piazzole di sosta, percorsi per diversamente abili, aree recintate per cani. Sostenibile anche nelle nuove tecnologie che verranno adottate per gli impianti.

Presentato il 21 maggio in Aula Giunta di Palazzo San Giacomo, il progetto del Parco Raffaele Viviani ha riscontrato parecchio interesse anche da parte della cittadinanza invitata al tavolo di discussione con il Presidente della II Municipalità, Francesco Chirico, l’assessore all’Urbanistica, arch. Carmine Piscopo ed il presidente della sezione Napoli dell’INBAR, prof.sa Virginia Gangemi.

Grande soddisfazione nelle parole dell’assessore a chiusura dell’incontro: “oltre allo studio preliminare di tutte le criticità dei costoni e delle cave e di tutte le essenze arboree, soprattutto un parco che torna alla città“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.