Ospedale S. Gennaro, riapre Ostetricia e Ginecologia

NAPOLI – Oggi ha ufficialmente riaperto, dopo tre mesi, il reparto di Ostetricia e Ginecologia, dove erano 480 l’anno i parti. Due i bimbi venuti alla luce questa mattina, grazie all’equipe medica del San Gennaro. Prima della chiusura erano 64 le unità che lavoravano nell’intero comparto ospedaliero (Maternità, Nido e Ginecologia).
Oggi questo è l’organigramma:
18 al Nido
38 alla Maternità.
Questi invece i reparti chiusi e inutilizzati, dove sono stati spesi milioni di euro per la ristrutturazione per un totale di 47 locali:
Ex Chirurgia d’Urgenza (10 stanze più servizi igienici e spogliatoi, come in tutti)
Ex Rianimazione
Ex Diabetologia
Ex Urologia
Ex Neurologia
Ex Centro trasfusionale

Ospedale S. gennaroSul posto ad augurare buon lavoro al personale medico e paramedico il presidente e il vice presidente della Terza Municipalità Giuliana Di Sarno e Vincenzo Rapone, che commentano così la riapertura: “Come istituzione di prossimità viviamo i bisogni reali del territorio ed abbiamo messo al centro il cittadino. All’inizio avevamo il timore che il San Gennaro potesse morire, invece siamo riusciti a far sopravvivere un presidio di legalità in un quartiere dove c’è il più alto tasso di criminalità e di disoccupazione giovanile. Ecco perché è necessario che l’ospedale offra un tipo di assistenza a trecento sessanta gradi, sia a livello sanitario che sociale. La riconversione del nosocomio prevede infatti un’offerta di servizi di prevenzione e riabilitazione, che prima non esisteva e che consentirà al San Gennaro di diventare polo di eccellenza in materia di sanità”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.