Operai in protesta alla raffineria della Q8 a Gianturco

NAPOLI – (di Francesco Maria Cotarelli) – Situazione critica quella degli operai ,senza  stipendio da quattro mesi , in presidio permanente da giorni nell’area della Q8 .

Alcuni di questi  ,oggi, sono saliti con taniche di benzina sulle torri della raffineria chiedendo un incontro immediato con il prefetto al fine di vedere risolta la loro drammatica situazione,ma   a quanto pare quest’ultimo  sembra non voler ascoltare  le loro istanze.

(fonte Flickr)

Oltre duecento i  lavoratori  addetti allo smantellamento dell’ area raffineria Q8 in via Brecce,nel quartiere Barra (NA),che non andranno in vacanza dunque e che da quattro mesi non riescono neanche a pagare l’affitto di casa.

La Q8 sta procedendo alla chiusura ed allo sgombero degli impianti di raffinazione  e  parte di questi , è stata venduta all’azienda Pakistana “AGI” .
L’opera di smantellamento è stata affidata alla ditta Gallo, impresa  che  sarebbe sull’ orlo del fallimento e che pur  non riuscendo a pagare i dipendenti per mancanza di liquidità, vorrebbe continuare i lavori, senza dare alcuna garanzia di retribuzione agli stessi.

I lavoratori hanno già provveduto allo smantellamento dell’ ottanta per cento degli impianti venduti.

“Abbiamo lavorato in condizioni di sicurezza al di sotto del minimo consentito – dicono – operando a contatto con strutture in amianto senza alcun dispositivo di protezione individuale e sottoponendoci a turni massacranti.”

“Chiediamo un tempestivo intervento da parte delle  Istituzioni” – dicono –  al fine di trovare una  soluzione che tenga conto del lavoro svolto, delle condizioni in cui si è realizzato, che garantisca il saldo delle retribuzioni arretrate ed un prosieguo delle attività con tutela della salute dei lavoratori e rispetto del loro diritto alla retribuzione.

©2010 RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.