Notte di festa al San Paolo, vince il Napoli 2 a 1

NAPOLI (di  Cristina Accardo) – Sale alto il boato nel ventre del San Paolo colmo di tifosi per assistere alla gara che inaugura il girone F della Champions League. Girone tosto, ma equilibrato, composto dal Borussia Dortmund, Arsenal e Marsiglia. Gli azzurri sono chiamati all’impresa sin dalla prima gara, ospitando a Fuorigrotta i neo campioni di Europa: i tedeschi di Dortmund. Coreografia da brividi ed urlo dei tifosi che strega i calciatori; è uno spettacolo dalle mille emozioni quello che fa da cornice al big match Napoli – Borussia Dortmund. Dopo le tre vittorie consecutive in campionato, contro squadre “minori”, il Napoli è chiamato al banco di prova per dimostrare la sua forza a livello internazionale contro squadre veterane di importanti palcoscenici. Ed a dispetto di tutti i pronostici Benitez ed i suoi uomini non tradiscono le attese; gli azzurri, sfoderando una prestazione quasi perfetta, riescono nell’impresa e battono i tedeschi. 2 a 1; Higuain di testa ed Insigne con una magistrale punizione fanno esplodere il San Paolo. La rete per il Borussia arriva sempre dai piedi napoletani, con Zuniga che in area azzurra devia in rete un tiro spiazzando Reina. Ma la gioia per il risultato conseguito prevale su tutto, il Napoli con 3 punti, insieme all’Arsenal si porta al primo posto in classifica, seguono Mariglia e Borussia a 0 punti.

Napoli - BorussiaLe formazioni – Napoli: Reina, Maggio, Albiol, Britos, Zuniga, Inler, Behrami, Callejon, Hamsik (91′ Mesto), Insigne (73′ Mertens), Higuain (78′ Pandev).
Borussia Dortmund: Weindenfeller, Grosskreutz, Subotic, Hummels (45′ Aubemayang), Schmetzer, Sahin, Bender, Reus, Mkhitaryan (76′ Hoffmann), Blaszczykowski (46′ Langerak), Lewandowski.

In campo – Parte bene la gara di Champions; gemellaggio tra tifosi napoletani e tedeschi e nessuno scontro tra tifosi. In campo è un’altra storia e le due squadre si battono per portare a casa punti. Primo tiro per gli azzurri con Inler all’11’. Pochi minuti dopo Insigne sfiora il palo. Al 20’ si fanno vedere i tedeschi con Reina che chiude gli attaccanti tedecshi in due occasionicon due pronte parate. Al 29’ il vantaggio azzurro di testa con Higuain su assist di Zuniga. Proteste del tecnico tedesco che viene espulso. Al 45’ ancora Huguain che butta fuori una palla proveniente da un cross di Insigne. Pochi minuti dopo ancora il Pipita si invola in area tedesca ed il portiere esce fuori dalla sua area toccando il pallone con le mani: espulsione e Borussia in dieci. Alla ripresa fantastica punizione di Insigne al 67’. E’ 2 a 0. Il Borussia trova qualche occasione con Aubemayang spina nel fianco, intanto Higuain ci prova ancora sempre su passaggio di Insigne. All’80’ gran sinistro di Hoffman e Reina blocca, mentre all’81’ è Napoli spettacolo sull’asse Pandev-Hamsik-Mertens, con Callejon che non chiude a rete. All’87’ arriva l’inaspettato: Zuniga devia a rete una parla vagante in area, il Borussia accorcia le distanze. I minuti finali sono concitati ma al 93’ l’arbitro portoghese fischia la fine. E’ spettacolo Napoli, fuori e dentro al campo.

I protagonisti – Dopo i 90 minuti di gioco mister Benitez commenta la gara “La partita è stata buona, ma dobbiamo continuare a lavorare. Il Borussia è una squadra insidiosa, anche in dieci ci hanno messo in difficoltà. Per questo mi è piaciuto l’atteggiamento della squadra che ha dimostrato carattere fino all’ultimo minuto. Insigne? Poteva giocare anche Pandev, il merito è tutto di Lorenzo che ha segnato non il mio che l’ho schierato. Alla fine dovevamo gestire meglio la palla e magari provare a fare il terzo. I tifosi fanno la differenza, vediamo dove possiamo arrivare. Queste vittorie ci danno fiducia. Non posso dire chi è meglio fra i tifosi del San Paolo o di Anfield, ma quando abbiamo segnato ho provato un pò di gioia. Non abbiamo fatto nulla, il girone è molto equilibrato. La loro ripartenza era insidiosa, noi siamo stati bravi ad essere compatti. Vincere alla prima con una grande squadra può solo che far piacere”. Contento per la rete il Pipita Higuain “Siamo soddisfatti, è una gioia incredibile. Le prime partite non sono mai facili, era una gara difficile perchè sfidavamo i finalisti di Champions. E’ importante essere una squadra, meno individualità e tanta collaborazione. Oggi abbiamo dimostrato ciò.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.