Napoli, De Magistris: 17enne ucciso? No a dicotomia vittima-Stato

NAPOLI – I cittadini napoletani chiedono giustizia e vogliono sapere cosa sia accaduto a Davide Bifolco,
il 17enne morto con un proiettile esploso da un carabiniere, ma è “importante che non si crei una dicotomia persone ferite-Stato”. È questa la posizione del sindaco partenopeo, Luigi De Magistris parlando nuovamente della morte del giovane residente al rione Traiano.

Luigi de Magistris“La mia posizione e quella del Comune è che si faccia, innanzitutto, nei tempi più rapidi possibili chiarezza su quello che è accaduto. La città – ha proseguito – deve sapere come è morto Davide perché una morte a 17 anni è inaccettabile qualunque cosa sia potuta accadere”. “C’è un’esigenza di verità e di
giustizia della famiglia e della città che noi raccogliamo – ha proseguito De Magistris – c’è bisogno che tutto questo venga incanalato in un momento collettivo diffuso. È tutta la città che vuole giustizia e vuole sapere cosa sia accaduto. Non c’è un conflitto con l’Arma dei carabinieri. Non esiste un ragionamento di questo tipo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.