Muore Mario Guida, l’uomo che viveva per i libri

NAPOLI – “La morte di Mario Guida priva Napoli e l’Italia intera di un uomo di cultura che ha fatto tanto per la cultura e che, fino alla fine, ha messo l’amore per i libri al primo posto”.

Lo hanno detto il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, e Gianni Simioli de La radiazza per i quali “purtroppo non sono mancati i momenti di dolore per il decano dei librai italiani al quale siamo stati vicini nel tentativo di evitare la chiusura della storica sede di Port’Alba nel dicembre del 2014”. “La chiusura di quella sede lo segnò molto anche se non ha mai abbandonato quei libri che sono stati la sua ragione di vita” hanno aggiunto Borrelli e Simioli per i quali “sarà importante non dimenticare il suo impegno nella diffusione della cultura della lettura e per la stampa di testi che non avrebbero avuto possibilità di essere editati se non ci fosse stata la sua casa editrice”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.