“Memoria del futuro”, boom di visitatori alla rassegna di arte presepiale

NAPOLI – Si è chiusa con uno strepitoso successo “Memoria del futuro, le strade dell’arte presepiale, strade di fratellanza e di multiculturalità”, la rassegna dedicata all’artigianato dei presepi tra le vie del centro storico.

Presepe AntirazzistaInserita nelle iniziative del Forum Internazionale delle Culture, la kermesse promossa dall’associazione Corpo di Napoli, in collaborazione con quarta Municipalità, cooperativa Rione Sanità e associazione Trasform-Azione civica, ha previsto visite guidate (anche per i diversamente abili); presentazioni di libri dedicati al presepio, simbolo per eccellenza della napoletanità; mostre di arte presepiale realizzate dalle botteghe storiche del centro antico; laboratori di artigianato per bambini. Straordinari i numeri dell’iniziativa che ha visto affollare il Lazzaretto nel complesso monumentale dell’ex Ospedale della Pace ai Tribunali e le famose vie dei pastori da turisti e cittadini.
Ma la manifestazione non si esaurisce qui, come annuncia Gabriele Casillo, dell’associazione Corpo di Napoli: “Dopo aver lavorato con successo e in sinergia con la coop Rione Sanità e con l’associazione Trasform-Azione civica, mettendo insieme le visite guidate, i percorsi per i diversamente abili e l’artigianato presepiale a dicembre partiremo con le nuove attività. Già nel corso dell’inaugurazione della fiera a San Gregorio Armeno abbiamo chiesto al sindaco di avere alcuni spazi dell’ex asilo Filangieri, per realizzarvi un incubatore di imprese artigiane, dove poter insegnare ai bambini l’arte presepiale. Molte scuole, da quella dell’infanzia a quelle medie superiori, ci chiedono di poter avviare laboratori per far apprendere il mestiere ai ragazzi e sottrarli alla criminalità, ma non abbiamo spazi a disposizione. Ecco perché vorremmo che proprio a pochi passi da San Gregorio Armeno ci venissero assegnati dei locali in una struttura che, essendo pubblica, appartiene a tutti”.
Sulla stessa lunghezza d’onda è Armando Coppola, presidente della quarta Municipalità: “Oggi abbiamo avviato un nuovo percorso storico-artistico nella chiesa della Croce di Lucca, dove è stata inaugurata la mostra di arte presepiale dell’associazione Presepistica Napoletana alla presenza del cardinale Sepe. Ma siamo critici con l’amministrazione comunale, che ha sponsorizzato il Palio dei presepi in tutte le Municipalità, trascurando il fatto che è nel territorio della quarta che esiste da secoli la tradizione dei presepi e che solo grazie a noi è stato restituito al pubblico il Lazzaretto nell’ex Ospedale della Pace, che prima era un deposito comunale ed oggi è diventato una sala di esposizione di una mostra presepiale sulla multiculturalità, dove i personaggi sono rom, africani e asiatici, per sottolineare che siamo contro ogni forma di razzismo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.