Lo Stadium si inchina al Real di Ronaldo

di Gianpaolo Rispoli

Serata durissima par la Juve all’Allianz Stadium, dove il Real di Cristiano Ronaldo porta a casa una vittoria larga e pesantissima. Finisce 3-0 in favore degli uomini di Zidane che riescono a sfruttare tutti gli episodi a proprio favore, un po’ come fanno i bianconeri nel campionato Italiano. Una partita che dimostra ancora una volta l’importanza dell’esperienza e della capacità di interpretare i momenti della partita in ambito europeo. I “blancos” si avviano così verso l’ottava semifinale consecutiva in Champions.
La cronaca – Formazioni: Juventus (4-4-1-1): Buffon; De Sciglio, Barzagli, Chiellini, Asamoah (dal 24’ s.t. Matuidi); Douglas Costa (dal 24’ s.t. Mandzukic), Bentancur, Khedira (dal 30’ s.t. Cuadrado), Alex Sandro; Dybala; Higuain.
Real Madrid (4-3-1-2): Navas; Carvajal, Varane, Sergio Ramos, Marcelo; Modric (dal 37’ s.t. Kovacic), Casemiro, Kroos; Isco (dal 30’ s.t. Asensio); Benzema (dal 14’ s.t. Lucas Vazquez), Ronaldo.
Allegri propone un 4-4-1-1 e lascia in panchina Matuidi lanciando Bentancur al posto dello squalificato Pjanic; Zidane schiera la formazione tipo con Isco alle spalle di Benzema e Ronaldo. Dopo soli 3’ è proprio Isco ad andare via sulla sinistra e a mettere in mezzo per Ronaldo che, d’esterno destro, anticipa Chiellini e fa 1-0. Tre minuti dopo la Juve prova la reazione con un grande uno due tra Dybala e Khedira, ma il sinistro dell’argentino viene respinto da Ramos. Al 23’ Dybala mette in mezzo su punizione, Higuain calcia col destro al volo ma Navas è straordinario ad opporsi. Al 36’ ci prova Kroos con un gran destro da fuori che colpisce la traversa.
Nella ripresa parte meglio il Real con una grandissima occasione per Ronaldo al 50’ che, col suo destro, sfiora il palo. Al 55’ grande opportunità bianconera: punizione di Dybala, deviazione in barriera di Ronaldo e palla che sfiora il palo con Navas battuto. Al 64’ arriva una vera e propria magia di Cristiano Ronaldo che, su cross di Carvajal, raddoppia inventandosi una straordinaria rovesciata sulla quale Buffon non può nulla. Due minuti più tardi viene espulso Dybala per doppia ammonizione. Al 72’ arriva il terzo gol madrileno: uno due tra Marcelo e Ronaldo, il brasiliano vince un rimpallo con Buffon e poi appoggia in rete a porta sguarnita. All’87’ arriva un’altra traversa del Real colpita da Kovacic. Tre minuti più tardi Ronaldo si divora una clamorosa occasione a tu per tu con Buffon spedendo alto. La partita si conclude con due tentativi della Juve con Higuain prima, e Cuadrado poi, che non trovano fortuna.
Brutta batosta – Sarà dura per i bianconeri riprendersi dopo una sconfitta del genere. Non tanto per la sconfitta in sé, quanto per la portata e le dimensioni della stessa. Perdere 3-0 di fronte ai propri tifosi non è mai bello, e il Real ha dimostrato ancora una volta che ai bianconeri manca quel pizzico di esperienza in più necessaria per avere successo non solo a livello nazionale, ma anche a livello continentale. Dovrà essere bravo Allegri nei prossimi giorni a tirare su i suoi in vista di un finale di stagione che vedrà i bianconeri impegnati a lottare per la conquista del settimo campionato italiano di fila.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.