Le radici della fame, l’impegno dell’associazionismo

NAPOLI – “People Building Future. Sfamare il mondo: Alimentazione, agricoltura e ambiente”. Questo il tema dell’undicesima edizione del Forum Internazionale dell’Informazione per la Salvaguardia della Natura, che avrà luogo a Napoli sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica dall’8 all’11 ottobre, presso l’Università degli Studi “Suor Orsola Benincasa”. L’iniziativa promossa da Greenaccord Onlus, Comune di Napoli e Università, con la collaborazione attiva dell’Arcidiocesi di Napoli, è un appuntamento di primissimo piano, perché nei quattro giorni del Forum arriveranno nel capoluogo campano alcuni dei massimi esperti mondiali sui temi agricoli e alimentari.

alimentazione-e-ambienteNella lunga maratona di avvicinamento all’atteso appuntamento dell’Expo di Milano dedicato al cibo, uno dei momenti di incontro per riflettere sul rapporto tra produzione e modelli di sviluppo, è quello previsto per il pomeriggio di giovedì 9 ottobre su “ Le conseguenze sociali e ambientali dello spreco di cibo” in cui sarà esposto il modello Rifiuti Zero portato avanti da Ambiente Solidale, insieme alla Caritas Diocesana di Napoli, con il Programma di Contrasto alla Povertà Alimentare.

«Si tratta di un sistema solidale – spiega Antonio Capece, presidente della cooperativa Ambiente Solidale – che unisce l’esigenza del mercato “standard” alimentare, a volte eccessivamente “sprecone”, alla disponibilità da parte delle fasce più deboli della popolazione, di consumare prodotti alimentari ancora commerciabili e di ottima qualità ma con scadenza imminente. L’idea è puntare sul recupero delle eccedenze alimentari della grande distribuzione organizzata e dei produttori locali, aumentando il paniere dei prodotti da distribuire alle fasce più deboli della popolazione attraverso le parrocchie e le associazioni aderenti. Un progetto reso ancora più ambizioso dalla sottoscrizione di un precedente accordo congiunto tra Sua Eminenza il Cardinale Crescenzio Sepe, Tommaso Sodano, Vice Sindaco del Comune di Napoli e Raffaele Del Giudice, presidente ASIA Napoli Spa. Grazie al quale il Comune di Napoli ed Asia hanno attivato un fondo per sostenere il programma di contrasto alla povertà alimentare messo a punto dalla Caritas Diocesana di Napoli, insieme alla cooperativa sociale Ambiente Solidale, l’Associazione CAIR e al consorzio CORE. Ad ogni Kg di indumenti usati raccolti verranno corrisposti 3 centesimi che finanzieranno l’acquisto di beni alimentari per gli indigenti ».

«Un esperienza di successo, conclude Capece, che ben si sposa con le finalità del Forum che si prospetta, anche per quest’edizione, quale facilitatore capace di trasformare le analisi e i suggerimenti degli esperti in politiche pubbliche utili ad aumentare realmente la qualità di vita delle popolazioni locali».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.