«L’amore Proibito» approda ad Anacapri

NAPOLI (Capri) Martedì 31 ottobre, alle ore 19,00, all’Auditorium Paradiso di Anacapri, in occasione dell’anniversario per i 160 anni dalla nascita del medico e scrittore svedese Axel Munthe, laFondazione Villa San Michele in collaborazione con il Comune di Anacapri organizzerà una serata di cinema e storia.

Verrà presentato alla cittadinanza isolana, per la prima volta in Italia, il film Förbjuden kärlek – Amore proibito del regista svedese Anders Wahlgren, tratto da estratti di documentari che vedono Axel Munthe, normalmente molto schivo e riservato, in veste di protagonista, insieme alla sua paziente prediletta, la Regina Vittoria di Svezia.

La proiezione –  alla presenza delle istituzioni locali – sarà introdotta dal Sovrintendente di Villa San MicheleAllan Klynne e anticipata da un dibattito che vedrà protagonisti lo scrittore Beng Jangfeltd, biografo ufficiale della famiglia Munthe, e lo stesso regista, che racconterà le fasi della realizzazione del documentario.

Un film poetico – della durata di 82 minuti – che ha per protagonisti Vittoria, regina di Svezia e Axel Munthe, medico svedese, che a Roma cura l’aristocrazia inglese e a Capri, gratuitamente, i poveri dell’isola. Infelice del suo matrimonio e malata, Vittoria fugge l’inverno di Stoccolma per Capri, dove Axel diventa il suo medico personale. Durante un viaggio a Venezia, nel 1893, la loro amicizia si trasforma in amore che durerà per 40 anni.

Acclamato dalla critica – Svenska Dagbladet gli ha assegnato 4 punti su 6 – è stato definito “un pezzo di poesia visiva, da vedere più e più volte”. In Svezia, su nove milioni di abitanti, 30 mila persone hanno affollato le sale cinematografiche: un risultato sorprendente per un documentario.

Dal 1973 Anders Wahlgren ha realizzato 100 film, 15 fiction e 85 documentari, lavorando come regista, autore e produttore. Ha partecipato a numerosi festival e ottenuto diversi premi a Cannes, Parigi, Praga, Sorrento, Salonicco e Mosca. Il suo interesse artistico si concentra, per lo più, sulla vita e sull’attività di artisti sottoforma di fiction e documentari. Con sguardo attento, spinto dalla curiosità per il passato, Wahlgren esplora nuove forme di narrazione, utilizzando materiali d’archivio, spesso dimenticati, come nella sua ultima produzione su Axel Munthe e la Regina Vittoria di Svezia. Famosi i suoi documentari legati all’architettura e all’arte come ”La città nel mio cuore”, critica feroce all’ignoranza della società svedese, colpevole di aver demolito capolavori urbanistici per fare spazio a centri commerciali, “Sigrid e Isaac”, dedicato ai due pittori degli anni ’20, e il film sulla nave Wasa 1628, trasmesso in televisione in venti Paesi, di recente anche in Italia per la Rai.

Bengt Åke Jangfeldt, nato il 22 novembre 1948 a Stoccolma, è un autore e traduttore svedese di origini russe. Cresciuto a Vällingby, Stoccolma, dopo essersi specializzato, nel 1976,  con un dottorato su Vladimir Majakovsky ne è diventato uno dei principali esperti mondiali. Con la sua edizione della corrispondenza tra Majakovsky e Lili Brik, “L’amore è il cuore di tutto” (1982), un lavoro pubblicato in diverse lingue, ha criticato “la fondazione di tutte le future ricerche Majakovsky”. Insieme a Gunnar Harding ha anche interpretato la poesia di Majakovsky in svedese. È stato direttore di Artes dal 1989 al 1999.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.