La Juve batte un ottimo Cagliari e vola

di Gianpaolo Rispoli

I bianconeri ottengono la decima vittoria su undici in campionato, tredicesima su quattordici considerando anche la Champions. Un inizio di stagione straripante dovuto anche agli eccellenti acquisti estivi. La partita si mette subito in discesa grazie al gran gol di Dybala dopo neanche un minuto di gioco, ma poi il Cagliari riesce a dare filo da torcere ai bianconeri e trova il pareggio con Joao Pedro. Saranno una sciagurata autorete di Bradaric e un gol in contropiede di Cuadrado a permettere ai bianconeri di portare a casa altri tre punti pesantissimi.
La cronaca – Formazioni: Juventus (4-3-3): Szczesny; Cancelo, Bonucci, Benatia, De Sciglio; Bentancur, Pjanic (dal 25’ s.t. Alex Sandro), Matuidi (dal 37’ s.t. Barzagli); Douglas Costa (dal 1’ s.t. Cuadrado), Dybala, Ronaldo.
Cagliari (4-3-1-2): Cragno; Srna, Ceppitelli, Pisacane, Padoin (dal 35’ s.t. Sau); Ionita (dal 21’ s.t. Faragò), Bradaric (dall’11’ s.t. Cigarini), Barella; Castro; Joao Pedro, Pavoletti.
Allegri rilancia dal 1’ Douglas Costa in attacco, insieme a Dybala e Ronaldo, Maran conferma la squadra che sta regalando grandi prestazioni con Joao Pedro e Pavoletti sostenuti da Castro.
Pronti via e la Juve passa subito in vantaggio: Dybala prende palla al limite dell’area, fa fuori due avversari con una finta e calcia col destro all’angolino non lasciando scampo a Cragno. Al 18’ arriva la reazione del Cagliari con una gran girata di Pavoletti stoppata da un altrettanto grande parata di Szczesny. Al 36’ i rossoblu trovano il pareggio con un gran gol di Joao Pedro che, su un pallone vagante in area, controlla alla grande e batte Szczesny con un gran destro. I bianconeri, però, ci mettono due minuti a ritrovare il vantaggio: cross basso innocuo di Costa e clamorosa deviazione di Bradaric che infila il pallone nella propria porta. Il primo tempo si chiude con un gran sinistro di Ronaldo da posizione defilata che si stampa sul palo.
Nella ripresa i ritmi sono molto blandi e fino agli ultimi dieci minuti le emozioni scarseggiano. All’83’ la Juve prova a chiuderla prima con Ronaldo e poi con Bentancur, ma il Cagliari riesce a reggere anche con un po’ di fortuna. All’86’ gli ospiti hanno una clamorosa occasione ma Benatia è strepitoso a salvare su un sinistro a botta sicura di Pavoletti al termine di un’azione concitata nell’area bianconera. Un minuto più tardi la squadra di Allegri chiude la partita in contropiede: Dybala trova Ronaldo che porta palla dalla metà campo e poi, arrivato al limite dell’area, serve Cuadrado che davanti a Cragno non sbaglia.
Record di punti – Con 31 punti dopo 11 giornate la Juve batte il proprio precedente record di 30 punti in altrettante giornate. Il vantaggio di 6 punti su Inter e Napoli sembra essere rassicurante, ma le inseguitrici hanno dimostrato di essere pronte in caso di calo di concentrazione da parte dei bianconeri. Sarà compito di Allegri mantenere alta l’asticella, soprattutto viste le sofferenze nelle ultime due partite casalinghe contro Genoa e Cagliari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.