La Juve abbatte il Crotone e pensa a Napoli

di Gianpaolo Rispoli

Serata tutto sommato tranquilla per la Juventus all’Allianz Stadium dove, dopo un primo tempo terminato in parità, i bianconeri sono riusciti nella ripresa prima a scardinare la difesa avversaria con un gol di Mandzukic, e poi a chiudere la partita grazie a De Sciglio e Benatia. Ora gli uomini di Allegri possono guardare con maggiore serenità alla sfida di venerdì sera contro il Napoli che dirà tantissimo sulle probabili sorti di questo campionato.
La cronaca – Formazioni: Juventus (3-4-2-1): Buffon; Barzagli, Howedes (dal 23’ s.t. Pjanic), Benatia; Lichtsteiner (dal 12’ s.t. De Sciglio), Marchisio (dal 32’ s.t. Sturaro), Matuidi, Alex Sandro; Dybala, Douglas Costa; Mandzukic.
Crotone (4-4-2): Cordaz; Sampirisi, Ajeti, Ceccherini, Pavlovic; Rohden, Barberis (dal 34’ s.t. Aristoteles), Mandragora, Nalini (dal 40’ s.t. Faraoni); Tonev (dal 30’ s.t. Trotta), Budimir.
Allegri conferma il modulo presentato in settimana contro il Barcellona lanciando nuovamente la difesa a tre, e lascia a riposto Higuain a beneficio di Mandzukic. Nicola risponde con un 4-4-2 che, in fin dei conti, si rivelerà essere un 5-3-2 in fase difensiva. La prima occasione della partita arriva dopo 4’ con un bell’inserimento di Matuidi che, col sinistro, sfiora il gol del vantaggio. La Juve fa possesso palla e il Crotone fa densità nella propria metà campo senza concedere spazi agli avversari. Per assistere alla seconda occasione bianconera bisogna aspettare il 34’: gran cross di Douglas Costa e colpo di testa ancora di Matuidi che va vicinissimo al gol ma è sfortunato e la palla sfiora il palo. Tre minuti più tardi ci prova Alex Sandro con un sinistro da fuori, è attento Cordaz ad opporsi. La prima occasione per il Crotone arriva al 40’ con un sinistro di Tonev che non trova la porta da posizione defilata. L’ultima chance del primo tempo è per Mandzukic che ci prova di testa su cross di Barzagli e sfiora il palo.
Nella ripresa, dopo sette minuti, arriva il vantaggio bianconero: stessa azione che aveva concluso il primo tempo con cross di Barzagli e gran colpo di testa di Mandzukic, che questa volta termina in rete portando in vantaggio la Juve. Al 60’ arriva anche il raddoppio con un grandissimo gol di De Sciglio che calcia di prima un pallone messo fuori dalla difesa del Crotone non lasciando scampo a Cordaz. Dieci minuti più tardi arriva il gol che chiude la partita firmato da Benatia che, dopo un cross di Pjanic smorzato da Cordaz, appoggia il pallone in rete a porta sguarnita. Il Crotone ha un sussulto al 75’ con Budimir che prova il sinistro da posizione defilata, ma Buffon è attento e si oppone. L’ultimo quarto d’ora scorre velocemente senza ulteriori emozioni e i bianconeri portano a casa tre punti importantissimi.
Miglior attacco – Con 40 gol fatti i bianconeri possono vantare del miglior attacco del campionato. In un momento non proprio brillante per gli uomini di Allegri sarà fondamentale ripartire dai dati positivi per poter rialzare la testa in campionato, dove il Napoli ha accumulato 4 punti di vantaggio in queste prime 14 giornate. La sfida di venerdì sera, per quanto si possa dire che non siamo arrivati neanche a metà campionato, assume un’importanza vitale in vista della lotta scudetto. Dall’altra parte la Juve troverà la miglior difesa del campionato, dopo un inizio di stagione che ha visto invertirsi le statistiche rispetto allo scorso anno quando i bianconeri, con la difesa meno battuta, erano riusciti a portare a casa il titolo.

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.