La bella addormentata nel bosco al Museo del Sottosuolo

(di Maria Stella Spiniello) A pochi passi dalla linea 2 della Metropolitana di Napoli, oltre un’anonima porticina, si entra nel mondo parallelo del Museo del Sottosuolo di Napoli. Non bisogna confonderlo con la Napoli sotterranea o la Galleria Borbonica.

Ci troviamo a venticinque metri di profondità, nel sottosuolo di piazza Cavour. Trattasi di un dedalo di cunicoli e cave di tufo che negli anni della Seconda Guerra Mondiale vennero sfruttati come rifugio anti-aereo.

Durante le operazioni di riqualificazione delle antiche cisterna dell’acquedotto greco-romano furono scoperti vari oggetti di uso comune: come tazzine, bottiglie di vetro, scritte sui muri, vecchi slogan politici e dipinti raffiguranti scene di guerra. La temperatura sotterranea è costante sui 18°.

Il 15 e 16 giugno il museo del sottosuolo in collaborazione con l’Associazione il Demiurgo è diventato cornice della rappresentazione teatrale: La bella addormentata nel bosco.

Quando la strega Malefica non viene invitata al battesimo della neonata principessa Aurora, lancia una maledizione che promette la morte della piccina entro il suo 16esimo compleanno.

Tre fate bizzarre con l’aiuto di un un principe bellissimo salveranno la principessa Aurora dalla maledizione del sonno eterno.

La rivisitazione della favola de La Bella Addormentata, è realizzata in una chiave poetica e brillante, ricca di humor, dal ritmo serrato e coinvolgente.

Lo spettacolo è adatto ai “bambini” di ogni età.

Per visitare il museo, il prossimo appuntamento è previsto il 21 giugno. Giacché il museo rappresenta anche un ritrovo culturale, vi sarà una degustazione di vini selezionati più la visita al museo.

Per essere sempre aggiornati consultare la pagina fb: Il Museo Del Sottosuolo. https://www.facebook.com/ilmuseodelsottosuolo/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.