Juve, Milan battuto: lo scudetto è a un punto

di Gianpaolo Rispoli

Dopo un’avvincente e tiratissima partita, la Juve si aggiudica i tre punti in casa contro il Milan e, complice il pareggio casalingo del Napoli contro il Genoa, si porta a un solo punto dalla conquista dell’ottavo scudetto consecutivo. Dopo un brutto primo tempo chiuso sotto di una rete, i bianconeri entrano nella ripresa con uno spirito diverso e riescono a portare a casa la vittoria grazie a un rigore di Dybala e al gol nel finale del solito Kean.
La cronaca – Formazioni: Juventus (3-5-2): Szczesny; Rugani, Bonucci, Alex Sandro; De Sciglio, Bentancur, Emre Can (dal 25’ p.t. Khedira), Bernardeschi, Spinazzola (dal 17’ s.t. Pjanic); Dybala (dal 21’ s.t. Kean), Mandzukic.
Milan (4-3-3): Reina; Calabria (dal 40’ s.t. Cutrone), Musacchio, Romagnoli, Rodriguez; Kessié, Bakayoko, Calhanoglu; Suso (dal 31’ s.t. Castillejo), Piatek, Borini.
Allegri si presenta all’antica e schiera un 3-5-2 con Dybala e Mandzukic terminali offensivi, Gattuso risponde col suo classico 4-3-3 e con Borini ad ovviare all’assenza di Paquetà.
Partono subito bene i rossoneri che ci provano con un colpo di testa di Piatek che sfiora il palo. Al 30’ ancora il Milan pericoloso con Kessié che ci prova dalla distanza, la palla termina fuori. Al 40’ arriva il vantaggio per gli uomini di Gattuso: Bonucci regala un brutto pallone a Bakayoko che anticipa Bentancur e serve Piatek, l’attaccante polacco a tu per tu con Szczesny non perdona. La risposta bianconera è affidata a una rovesciata di Mandzukic allo scadere del primo tempo che viene ben respinta da Reina.
Nella ripresa ancora il Milan pericoloso al 51’ con un destro di Piatek deviato in corner da Szczesny. Cinque minuti più tardi è Borini a provarci col sinistro, ma il pallone sfiora il palo e va sul fondo. Al 58’ Bonucci lancia in profondità per Dybala che controlla e poi viene steso in area da Musacchio: per l’arbitro è rigore. Dal dischetto è lo stesso Dybala a presentarsi e battere Reina. Bianconeri nuovamente pericolosi al 79’ con un colpo di testa di Alex Sandro che sfiora il palo. All’84’ arriva il gol vittoria per gli uomini di Allegri: Calabria regala il pallone a Pjanic che serve Kean in area di rigore, l’attaccante italiano è bravissimo a calciare col destro e portare i suoi in vantaggio.
Quasi scudetto – Ormai è solo questione di aritmetica affinché i bianconeri conquistino l’ottavo scudetto consecutivo. Un solo punto separa gli uomini di Allegri dal trionfo, ormai già ipotecato da diversi mesi. Mercoledì, invece, ci sarà l’andata dei quarti di finale di Champions League, obbiettivo dichiarato dei bianconeri sin dall’inizio della stagione sia direttamente, sia indirettamente con l’acquisto di Ronaldo. La sfida con l’Ajax sarà ricca di insidie e Allegri avrà altri due giorni per prepararla al meglio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.