In visita a Napoli per “Il Ritratto d’uomo” di Antonello da Messina

NAPOLI (di Graziella Melania Geraci) – Dal 5 dicembre al 10 gennaio 2016 i napoletani e i turisti che affolleranno la città partenopea avranno modo di ammirare dal vivo presso le Gallerie di Palazzo Zevallos Stigliano uno dei maggiori capolavori di Antonello da Messina, Il ritratto d’uomo del 1476, chiamato anche Ritratto Trivulzio. Il quadro arriva direttamente dal Museo Civico di Palazzo Madama in cambio del prestito di tre dipinti seicenteschi di Palazzo Zevallos per la mostra Jusepe de Ribera e la pittura a Napoli a Torino fino al 14 gennaio.

Ritratto d'Uomo, Antonello da MessinaIl quadro del messinese arrivò nel capoluogo piemontese quando nel 1935 il patrimonio Trivulzio, di cui faceva parte, fu oggetto di una importante transazione economica che coinvolse il Comune di Milano, a cui fu destinato, e quello di Torino a cui spettarono alcuni pezzi tra cui appunto il Ritratto di Antonello.
L’opera è il perfetto connubio di elementi fiamminghi, come lo sfondo scuro, la perfezione dei particolari fisici, la piccola balaustra su cui è appuntato il cartiglio con la firma dell’artista e la data di esecuzione, con la volumentria e il senso dello spazio rinascimentale. Lo sguardo penetrante e l’impercettibile sorriso ilare del protagonista del quadro sono invece tutte peculiarità del grande maestro. Il Ritratto Trivulzio è un’opera imperdibile e di sicura attrazione che dà il via ad una speciale iniziativa delle Gallerie Zevallos, L’Ospite illustre, che vedrà accolti negli spazi di proprietà di Intesa Sanpaolo per brevi periodi opere di grande rilievo provenienti da musei o collezioni private.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.