In Salento pescatori e scienziati si sono alleati per difendere le tartarughe

Rispetto dell’ambiente e delle risorse marine. nel Salento c’è qualcuno che ci prova: mondo della pesca e scienza hanno stretto un patto grazie al quale in un solo anno sono state salvate 10 tartarughe marine.

Un’alleanza salvifica che si dipana tra Jonio e Adriatico e vede impegnate le aree marine protette di Porto Cesareo, nel Leccese, e di Torre Guaceto, nel Brindisino.

I pescatori sono il primo anello della catena. L’intera impalcatura del programma, declinato in un protocollo d’intesa nel 2020, si basa su un loro pensiero consapevole delle fragilità degli equilibri naturali e perciò uniformato all’urgenza di limitare i danni da intrusione nell’ambiente marino. 

La tartaruga Caretta caretta è un pacifico animale che popola i mari salentini e, malgrado le insidie dovute alle attività umane, continua a depositare le uova sulle spiagge pugliesi. Lo fa sempre più spesso con temerarie incursioni nei rari fazzoletti di sabbia sfuggiti all’antropizzazione, a pochi passi da ombrelloni e sdraio, tra i bagnanti. È successo nei mesi scorsi a Ugento, Porto Cesareo, Gallipoli.

È l’istinto ancestrale alla continuazione della specie che s’impone sulle altre sfaccettature dell’imprinting. I rischi legati alla permanenza sulla terraferma di un animale indifeso passano in subordine quando è tempo di generare nuova vita.

Un gesto che arriva al cuore di degli uomini e che da anni, nel Salento, genera cordoni protettivi attorno alle nidiate.

Il sistema di salvataggio degli esemplari in difficoltà incappati nelle reti da pesca è cosa più complessa. È un protocollo strutturato che si muove su un doppio binario: un percorso di andata, con recupero, ricovero, riabilitazione e uno di ritorno al mare. 

Ecco cosa accade in concreto. I pescatori di Porto Cesareo che si imbattono in una tartaruga impigliata nelle maglie delle loro reti, la recuperano con tutte le cautele del caso e la affidano agli operatori dell’Area marina protetta locale. Scatta così la staffetta sull’asse jonico-adriatico. L’animale ferito viene condotto nel Centro recupero tartarughe marine dell’area Marina protetta di Torre Guaceto, attivo sin dal 2016. (AGI)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.