Il Work In Tour non si ferma. La prossima tappa sarà presso la circumvesuviana di Napoli

NAPOLI – Il giorno 30 aprile Rifondazione Comunista incontra i lavoratori della Circumvesuviana, i pendolari, i cittadini dell’area vesuviana. Una delegazione del PRC guidata dal segretario provinciale Antonio D’Alessandro e dal segretario nazionale Paolo Ferrero ascolterà i viaggiatori e i lavoratori ormai stanchi dei continui tagli delle corse e degli stipendi.

Da Napoli a Torre del Greco e Torre Annunziata ci recheremo in Circumvesuviana utilizzando il viaggio per incontrare i pendolari e per diffondere volantini. Così gli appuntamenti:

 

Ore 10.30 Circumvesuviana Napoli, Porta Nolana

 

Ore 11.30 Torre del Greco, Piazza della Repubblica

 

Ore 12. 30 Torre Annunziata, Via Boselli

 

“I tagli alla spesa sociale operati dal governo Monti e le scelte della Giunta regionale guidata da Stefano Caldoro, stanno determinando il fallimento delle aziende di trasporto pubblico nella nostra regione, e i disagi provocati ai pendolari costituiscono il frutto avvelenato di queste politiche scellerate. Una corsa ogni ora per i treni della Circumvesuviana, infatti,rappresenta un ritorno al Medioevo che nei fatti cancella il diritto alla mobilità per centinaia di migliaia di cittadini e cittadine, soprattutto dell’area vesuviana, che per recarsi a scuola o a lavoro sono costretti a dei veri e propri viaggi della speranza”; afferma Antonio D’Alessandro.

“Alla Giunta regionale chiediamo l’immediata convocazione di un tavolo negoziale – aggiunge Paolo Ferrero – che coinvolga amministrazioni comunali e rappresentanze degli utenti, allo scopo di fornire risposte concrete ed efficaci alla legittima domanda di mobilità dei cittadini dei comuni vesuviani. La stessa domanda che è stata espressa in questi ultimi mesi attraverso le proteste degli studenti, dei lavoratori, delle associazioni e dei comitati”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.