«Il Pozzo e Il Pendolo», Paolo Cresta interpreta Pirandello

Sabato 1 febbraio alle ore 21:00 e domenica 2 febbraio alle ore 18:00 presso Il Pozzo e il Pendolo Teatro verrà rappresentato uno dei testi più famosi di Luigi Pirandello,Uno, nessuno e centomila”.

Interprete dell’ultimo romanzo dello scrittore siciliano, Premio Nobel per la letteratura, è Paolo Cresta, che ne cura anche l’adattamento e la regia.

Un uomo, un uomo qualunque come si definisce lui stesso, un giorno come un altro, riceve

un’osservazione da sua moglie: “Guardatelo bene il naso, ti pende verso destra”. Questa semplice e, apparentemente, innocua frase trascina l’uomo, Vitangelo Moscarda, in abissi di riflessioni e considerazioni che gli scavano dentro. Inizia a ricercare dentro di sé, nelle persone intorno a lui, scoprendosi, tormentatamente, Uno, nessuno e centomila.

È così che, da un semplice specchio, superficie ambigua e inquietante, emerge per Vitangelo

Moscarda, un volto di sé finora ignorato, provocando in lui una profonda crisi, fino all’agghiacciante consapevolezza che la sua immagine negli occhi degli altri è profondamente lontana da quella che ha di se stesso.

Da qui la presa d’atto ancora più inquietante: egli non è ‘uno’, come aveva creduto sino a quel

momento, ma ‘centomila’, nel riflesso delle prospettive degli altri, e quindi ‘nessuno’. La realtà

banale e paradossale dell’uomo, in relazione a se stesso e agli altri, è il filo rosso di una storia

nella quale ciascuno di noi è costretto a riconoscersi.

In scena una sedia e un uomo, solo, che si rivolge direttamente al pubblico, proprio come il

romanzo si rivolge direttamente al lettore. Racconta la sua storia, e nel farlo si confida, si confessa, rivive il suo lancinante viaggio interiore, e giunge ad affermare che, oltre a tutto il resto, non ha più bisogno di un nome, perché i nomi convengono ai morti, a chi ha concluso. Lui è vivo, e non conclude. La vita non conclude, e non sa di nomi, la vita.

Pirandello stesso lo definì il romanzo “più amaro di tutti, profondamente umoristico, di

scomposizione della vita”. Ed è da questa scomposizione che Paolo Cresta è partito, utilizzando come riferimenti visivi Francis Bacon , Lucian Freud e Alberto Giacometti. Ciò che resta dell’uomo spogliato di tutto.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.