Il Napoli scala la classifica e raggiunge il terzo posto

NAPOLI (di Cristina Accardo) – Una rete di Higuain nel secondo tempo ed l Napoli, nell’undicesima giornata di campionato, nella gara del Franchi, contro la Fiorentina di Montella, scala posti in classifica guadagnando, con ventuno punti il terzo posto. Match difficile in terra toscana, con i viola pronti a voler invertire il passo falso in campionato dove risultati positivi non arrivano da diverse gare; per gli azzurri, dopo la prova esaltante con la Roma è , invece, il tempo delle conferme e del rilancio. Sin dalle prime battute la partita si gioca ad alti ritmi; Benitez manda in campo la squadra titolare, Montella lascia in panchina Gomez.

Il primo brivido è per i partenopei con Hamsik che lancia Higuain, ma il suo tiro sfiora di poco il palo. Al 15’ Insigne becca Higuain in area, ma Neto salva in uscita. Il primo tiro per i viola arriva al 18’ con Babacar, che tira alto. Al 25’ Mertens subentra ad Insigne costretto a lasciare il campo per infortunio, per lui lunedì sarà il giorno degli accertamenti per capire l’entità del danno. Al 26’ grande azione di Higuain che salta tre difensori, ma complice Neto, il tiro finisce fuori. Al 31’ Mertens dribbla in area e tira di destro di poco alto. Al 34’ è Hamsik a sfiorare la rete su tiro di Callejon. Sul finire del primo tempo il Napoli va a segno con Higuain, ma il gol dell’argentino è annullato per fuorigioco.

callejon -mertensAlla ripresa grande parata di Rafael su destro di Cuadrado. Al 60’ la più grande palla gol della gara è sui piedi di Hamsik che manda spara su Neto un tiro nato da un passaggio di Callejon. Ma sono solo le prove generali, perché appena qualche minuto dopo, con una girata al volo in area Higuain mette a segno la rete dello 0 a 1. Montella si affida a Gomez e proprio il tedesco all’80’ si fa pericoloso con un colpo di testa. Gli ultimi minuti sono un arrembaggio alla porta azzurra; i viola spingono e gli azzurri si difendono, ma entrambe le squadre sono ormai sulle gambe complici le gare europee disputate in settimana. Dopo tre minuti di recupero Valeri fischia la fine, il Napoli guadagna tre punti e vola ad un punto dalla Roma, l’unico rammarico di giornata è l’infortunio di Insigne.
L’infortunio – Uscito a metà del primo tempo per infortunio, arriva direttamente dalla SSC Napoli il primo riscontro medio su Lorenzo Insigne. La società azzurra fa sapere “Per Insigne distorsione del ginocchio dx con interessamento dei legamenti, domani mattina effettuerà gli accertamenti diagnostici”.

Fuori dal campo – Tre vittorie consecutive per mister Benitez, senza incassare reti ed una pausa di quindici giorni per la sosta nazionale “Adesso pensiamo solo al Cagliari. Bisogna pensare a una partita alla volta, avremo quindici giorni di tempo per stare un po’ con le nostre famiglie, poi si penserà al Cagliari. So che il Napoli è una squadra forte, ma dobbiamo mantenere l’equilibrio e non fare programmi”. “Non starò fuori quindici giorni, ma solo qualche giorno. Questa è una stupidaggine, lavoro quattordici ore al giorno per il Napoli e lavoro al centro sportivo. Tutti abbiamo giocato a calcio e sappiamo che ogni tanto è importante recuperare l’aspetto mentale, perciò starò qualche giorno in famiglia. So che posso andar via anche per un mese, ho uno staff davvero molto preparato”. “Sia con la Roma, che con lo Young Boys abbiamo fatto bene. Adesso stiamo migliorando anche nella fase difensiva e facciamo gol, per cui vinciamo le partite che prima non riuscivamo a vincere. C’è amarezza per i punti persi, ma sono contento. Adesso siamo ad un punto dalla Roma, continuiamo a guardare avanti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.