Higuain la apre subito, poi ci pensa Buffon: Juve ok con l’Atalanta

di Gianpaolo Rispoli

Prosegue spedita la rincorsa della Juve verso il triplete, con una bella vittoria nella semifinale di andata di Coppa Italia sul campo della sempre temibile Atalanta. I nerazzurri, dopo aver eliminato il Napoli, devono soccombere in questo primo match contro i bianconeri che, dopo aver sbloccato subito il match con Higuain, si sono affidati ad un super Buffon, protagonista nel primo tempo nel neutralizzare un rigore del Papu Gomez, e nella ripresa, dove ha negato nel finale il gol del pareggio ad Hateboer.
La cronaca – Formazioni: Atalanta (3-4-1-2): Berisha; Toloi, Palomino, Masiello; Hateboer, De Roon, Freuler, Castagne; Cristante (dal 30’ s.t. Barrow); Cornelius (dal 1’ s.t. Ilicic), Gomez (dal 37’ s.t. Petagna).
Juventus (4-3-3): Buffon; De Sciglio, Benatia (dal 37’ s.t. Barzagli), Chiellini, Alex Sandro; Khedira, Pjanic (dal 44’ s.t. Bentancur), Matuidi; Douglas Costa (dal 18’ s.t. Bernardeschi), Higuain, Mandzukic.
Ad un Atleti Azzurri d’Italia fortemente annebbiato va in scena la semifinale di andata di Coppa Italia tra Atalanta e Juventus. Gasperini schiera il suo classico 3-4-2-1 e lascia in panchina, tra gli altri, Caldara e Ilicic; Allegri conferma il 4-3-3 e si presenta con la miglior formazione possibile e col ritorno tra i pali di Buffon. I bianconeri partono subito fortissimo e dopo 2’ Higuain con un sinistro da posizione defilata impegna Berisha, che è attento a coprire il suo palo. Un minuto più tardi arriva il vantaggio bianconero con Higuain che, ben servito in profondità, punta Masiello, lo supera e batte Berisha. L’Atalanta non riesce a rialzarsi dopo l’inizio shock e la reazione arriva solo al 24’ quando il direttore di gara, con l’ausilio del VAR, gli assegna un calcio di rigore per fallo di mano di Benatia: dal dischetto si presenta Gomez ma Buffon, nel giorno del suo rientro in campo, è bravissimo ad intuire le intenzioni dell’argentino e bloccare la sua conclusione. Al 28’ si riaffaccia in avanti la Juve con un bel tentativo da fuori di Higuain che sfiora la traversa. L’Atalanta non riesce a riprendersi dalla brutta botta morale causata dal rigore sbagliato, mentre la Juve non riesce ad essere concreta in fase offensiva, così il primo tempo termina senza ulteriori emozioni.
Nella ripresa è l’Atalanta a partire molto forte con un doppio tentativo di Gomez sventato, ancora una volta, dal neoquarantenne Buffon. La Juve non riesce ad avere una manovra fluida mentre i bergamaschi, nonostante la grande intensità, non riescono a rendersi particolarmente pericolosi. Per assistere ad una nuova occasione bisogna attendere il 79’, quando Ilicic ci prova col destro, ma la sua conclusione deviata viene bloccata da Buffon. All’84’ arriva l’unica occasione della ripresa per la Juve ancora una volta sul destro di Higuain, che termina di poco a lato. L’ultimo squillo del match coincide anche con la miglior occasione per l’Atalanta: Hateboer, dopo un rimpallo, si trova a tu per tu con Buffon, il quale è strepitoso ad opporsi al tentativo dell’olandese con una grande uscita bassa.
Eterno Buffon – Un capitolo a parte va dedicato alla prestazione di Buffon che, chiamato seriamente in causa un paio di volte, ha ancora una volta dimostrato tutto il suo valore nonostante l’età che avanza. Lucidissimo e intuitivo nell’opporsi al rigore di Gomez, tempista e coraggioso nel finale su Hateboer, ha saputo ancora una volta ritagliarsi un ruolo fondamentale conducendo i suoi alla vittoria. Il futuro del portierone italiano è ancora incerto, ma tutti nel mondo juventino si augurano che possa proseguire il proprio percorso con la maglia bianconera almeno per un altro anno anche perché, un giocatore del genere, sa sempre essere decisivo a qualsiasi età.

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.