Emergenza Cultura, tavola rotonda al nuovo Teatro Sanità con l’assessore Daniele

NAPOLI – Forum delle Culture, Teatro San Carlo e tesori dell’arte e della cultura al Rione Sanità. È stato questo il tema dell’incontro su “Emergenza cultura: il Rione Sanità risponde” promosso al Nuovo Teatro Sanità da Vincenzo Rapone, capogruppo PD alla terza municipalità, a cui sono intervenuti l’assessore alla Cultura del Comune di Napoli Nino Daniele, il segretario della CGIL Napoli Gianluca Daniele, il coordinatore del SAI Campania Antonio Crispino, il segretario di “Fare rete” Dino Falconio, lo scrittore Vincenzo Russo ed il direttore del Nuovo Teatro Sanità Vincenzo Pirozzi.

Tavola rotonda teatro SanitàIl teatro di piazzetta San Vincenzo ha inaugurato quest’anno la sua prima stagione teatrale in una vecchia chiesa sconsacrata data in comodato d’uso all’associazione Sott’ o ponte. “Qui – ha spiegato Pirozzi – accogliamo da dieci anni oltre cento ragazzi del quartiere, a cui insegniamo cinema e teatro per salvarli da cattive strade”. Rapone ha sottolineato come il rione e la città possano rinascere solo attraverso la cultura. E al Rione Sanità il patrimonio culturale è inestimabile: a partire dal cimitero della Fontanelle, alle Catacombe di San Gennaro, San Gaudioso e San Severo, al Museo e la Casa di Totò, ai Palazzi Sanfelice e dello Spagnuolo. Ma come recuperare questo patrimonio in un periodo di evidente crisi e difficoltà economiche? “ Meno risorse pubbliche vuol dire meno produzione di cultura – ha detto l’assessore Daniele – ma se vogliamo salvare realtà come il San Carlo, come il Forum delle Culture o il Tesoro del Museo di San Gennaro che a Roma sta attraendo migliaia di visitatori da tutto il mondo, dobbiamo tenere ben presente che Napoli resta la grande capitale della cultura. Una città dove è in atto un grande fermento culturale, a partire da realtà come il Nuovo Teatro Sanità, perché cultura equivale sempre ad impegno civile”.

Il segretario della CGIL Daniele ha evidenziato come “Napoli viva un isolamento deleterio e pericoloso per la città, che paga l’assenza di una politica culturale seria e sinergica tra le istituzioni e quanto il Forum sia un’occasione persa per la città”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.